Archive

Archive for the ‘Music’ Category

La parola alle Manager.

manager

.

by Francesca Caeran

.

E’ da un pò di tempo che il mio carissimo Capo Redattore AquilaDellaNotte mi chiedeva un articolo sul ruolo dei manager in Secondlife. Ricordo che un giorno, come battuta, gli dissi: ahoo! ma vuoi che io sveli il mistero del mio talento? LOL! Anche se scherzavo, lasciai perdere lo stesso, hehehe …

Allora, perchè farlo oggi questo articolo? Bhè, forse perchè ho tempo, o forse perchè desidero soffermarmi sul mio ruolo in Second Life. Sul mio e su quello di tanti altri che, come me, hanno preso un impegno importante: quello di lavorare qui come nella vita reale, stesso coinvolgimento, stessa passione. Ed ecco detta la parola magica: passione. Come in ogni cosa che si fa, se non c’è passione, non c’è nulla. Senza passione si lavora a metà, si aspettano gli ordini da quelli che stanno sopra di te (Owner o cantanti che siano). Senza passione si sopravvive, in tutto e per tutto, senza passione vai avanti sulle punte dei piedi, e non hai quella piccola stella in più negli occhi che ti farà essere diversa dagli altri. Io faccio parte delle super appassionate. Ma quanto mi costa amare questo lavoro, lo so solo io. Ma entriamo un pò più in profondità nel ruolo. Tante volte mi è stato chiesto come li trovo tutti quei bravissimi cantanti, che poi porto nelle land per i concerti, e come faccio a conoscerne così tanti. Rispondo sempre che oramai non sono io che cerco loro, ma spesso sono loro che trovano me, LOL (modestamente parlando, ma è la verità). A volte mi imma qualche amica, per dirmi di andare ad ascoltare un bravo cantante.

Quando ho iniziato, certo, non era così. Ricordo, per quelli che non lo sanno ancora, che ho iniziato a fare la manager quando, per la prima volta, ho sentito cantare Tempio Breil. Nessuno mi aveva spiegato cosa si doveva fare per promuovere un cantante su Second Life, e allora misi in atto la stessa tecnica che uso per la RL (in RL sono Business Development Manager,  non promuovo cantanti ma un servizio alle industrie, e dunque uso prospection e pubblicità) e poi una cosa importantissima: uso  la mia grinta! Perché, oltre alla passione, se non hai grinta, e se sei un tipo timido, allora questo lavoro non è fatto per te. Purtroppo, nemmeno per fare il manager di land sarai adatto, senza queste caratteristiche. Devi essere capace, se ti chiudono la porta, di entrare dalla finestra, LOLLL!

Allora mettiamoci in posizione: “ho trovato un bravissimo cantante e voglio fargli da manager, che cosa devo fare?” Il tuo lavoro è di metterlo sempre in avanti, sempre in prima fila. Lui diventa il numero uno, il cantante più bravo che ci sia. E se hai più cantanti, allora sono loro gli unici, i migliori, i più bravi! Li difenderai sempre contro mari e monti, e guai a chi ne parla male, tu questo non lo sopporti, e lo fai sapere! Dovrai andare in giro per le land, per trovare delle date per farli cantare. Dovrai immare gli owner, rompere a volte le scatole, perchè sono occupatissimi, e tu arrivi sempre quando non se lo aspettano, LOL. Dovrai avere quel tatto che serve, se sei un buon commerciale, per chiedere se desiderano un concerto. Dovrai avere un bel senso dell’umorismo, quando ti diranno cinque volte di seguito: “contattami domani, sono impegnato” 😉 e dovrai avere una calma da Buddha, quando qualcuno, un pò nervoso, ti parlerà malamente, o ti annullerà all’ultimo minuto un concerto 🙂 Ma sappi, che se decidi di fare questo lavoro, allora accetti di prendere sulle tue spalle tanti malumori, e, dal momento che sei l’unico tramite tra l’owner e il tuo cantante, allora ti esponi a rischi mortali (LOL), quando dovrai annunciare all’owner che il tuo cantante è senza connessione e che devi cancellare il concerto.  Dio ci salvi! Signore, pietà!

Tu adesso stai pensando: ma caspita, e le soddisfazioni allora? Dove stanno? Le soddisfazioni arrivano tutte quando sei al concerto, quando hai preparato tutto, hai mandato notice, aperto conferenze, quando sai che hai fatto il massimo perchè tutto si svolga bene, e quando vedi arrivare tanta gente per ascoltare lui o lei che cantano. La soddisfazione viene quando immi il tuo cantante durante il concerto, e gli dici “bravo stai andando da Dio”, e che lui ti manda un “grazie per tutto”, o allora quando durante il concerto lo immi dicendogli “che hai tesò?  stai stonando grave!” e lui si adatta e migliora, perchè si fida di te. La soddisfazione arriva quando, durante una serata, c’è l’owner che ti ringrazia per questa splendida serata, che tu, manager, gli hai organizzato. E poi non dimentichiamo che c’è pure la soddisfazione di guadagnare un pò di Linden, perchè ti sei data da fare, hai sudato sette camicie, e te li meriti pienamente. E nulla è più appagante, per un bravo manager, dell’avere un calendario pieno di date per i suoi cantanti.

Ma tutto questo ha un prezzo: ed è il prezzo della solitudine. Ok, hai un bel gruppo di amici, e senti che ti vogliono bene, ti immano spesso per chiederti come stai. Ma poi ti rendi conto che non riesci a legarti sentimentalmente con nessuno, o se succede, se qualcuno ha il coraggio di provarci, spesso litigherai, perchè sei assente per il tuo lavoro. Tu oramai appartieni al ruolo che ti sei creata, il tuo lavoro è il tuo amante, e lui non ti molla mai. E sempre lì con te, perché sei al servizio della gente, e devi rispondere alle numerose sollecitazioni e IM che ti arrivano. E non fa nulla se sei stanca, se dopo 8 ore di lavoro in RL ricominci nel Metaverso. Hai passione, e  ami disperatamente quello che fai. Sei una vera manager, sei affidabile, onesta,  e sei apprezzata, ma sopratutto sai che non mollerai mai: parola di Francesca Caeran.

 

Categorie:Music Tag:, ,

La chiamano Pantera: Momi Hallison

MOMI HALLISON FOTO 2 MOD

.

by Francesca Caeran

.

In tutto il mondo l’Italia è conosciuta anche per i suoi grandi artisti. Lo è nella RL e, ovviamente, essendo Second Life lo specchio virtuale del nostro mondo reale, lo è pure in questo Metaverso. Ed è con piacere che vi presento, anche questo mese, un’altra artista nostrana: la stupenda Momi Hallison!  Lo sapete oramai che mi piace dirvi tutto, e raccontarvi come le idee arrivano nel mio cervellino (hehehhe si, lo vedo che state sorridendo!), fa parte delle cose a cui tengo. Dopo l’articolo pubblicato su Jade Ovis, mi sono arrivati tanti bei complimenti … grazie a tutti muah! (uno in particolare mi ha fatto tanto, tanto piacere: quello di Serena Domenici, di cui sono una  grandissima fan, da quando ho letto un suo articolo, anni fa. Io la reputo una grande scrittrice, nulla a che vedere con la reporter Caeran, lol, ecco perchè mi ha lusingata la cosa 🙂 In mezzo a tutti questi bei complimenti, mi arriva un IM da una grande Signora, che fa parte dello staff di Momi, cioè Miss Lucy May, che mi suggerisce di scrivere su Momi. Grazie Lucy, hai ragione infatti, Momi si merita un articolo, è brava, simpatica, e canta sempre live. Accidenti! Perché mai non l’ho fatto prima?  Perché tutto arriva con il suo tempo, hehhheh. Su, basta chiacchiere … presentiamo Momi.

Gran bella donna (in RL dico!) con origini sarde, ha passato la maggior parte della sua vita a Roma, e oggi vive ad Ancona. Solare, simpatica da morire, dev’essere un piacere averla come amica o collega.  In RL, Momi lavora in uno studio professionale di ingegneria, dove si occupa di risparmio energetico e fonti rinnovabili.  È entrata in Second Life nel 2009, e, siccome cantava in RL da una vita, era logico che desiderasse esercitare questo mestiere pure nel nostro Secondo Mondo.  Un giorno incontrò Lara Grace, che cercava cantanti per mettere su la sua Rho Cassiopeiae, ed è cosi che iniziò la carriera di Momi, come Live Singer in Second Life.  Il suo genere musicale è camaleontico (parola che non faceva parte del mio vocabolario fino alla sua intervista, lol, infatti ringrazio gli artisti per ampliare il mio vocabolario italiano lol), passa dal blues al jazz, per proseguire con la pop music italiana, e anche internazionale.  Una parola mi viene subito in mente, quando penso a Momi Hallison: esplosiva! LOL si, una donna con una energia incredibile, ed una generosità, nel trasmetterla, che in pochi hanno.  Momi è meglio del Prozac (noto antidepressivo LOL), mette una carica da 100.000 volt, infatti attento, rischi l’elettroscossa ai suoi concerti … Ok, ok, esagerataaaa  Francescaaaaa, ma l’energia che trasmette, credetemi amici, è enorme.

Lei definisce la sua voce “graffiante”, ma una cosa è certa, si riconosce uno stile fatto principalmente di  rhythm ‘n’ blues, e infatti non sono stata  sorpresa di scoprire che Momi, per tanti anni, ha fatto parte di un coro polifonico come solista, che l’ha portata a cantare persino davanti a Papa Giovanni.  Hum… vedo i sorrisi sulle labbra… si, si, li  vedo! Okey, vi spiego cos’è il rhythm ‘n’ blues: genere musicale che associa il gospel, il blues ed il jazz. 😛  Momi canta da più di 25 anni, per 5 anni ha studiato canto moderno, e dice che la musica è tutta la sua vita.  Con il passare del tempo è cresciuta musicalmente, e cosi ha saputo anche adattare il suo repertorio. Conosce le lingue straniere, canta in inglese, spagnolo un pò francese e portoricano, e, ovviamente, italiano. Momi, come la maggior parte dei artisti di Second Life, canta anche in RL, fa piano bar e animazione, karaoke, ma anche serate  pre disco. Sono davvero pochi, in Second Life, a non conoscere la nostra Momi, ma se non l’hai mai sentita cantare, allora corri ad un suo concerto, e  vai a prenderti una carica di energia con la Miss Dinamite e i suoi 100.000 volt. Parola di Francesca Caeran.

Ascolta Momi Hallison qui : http://www.youtube.com/user/MomiHallison

Jade75 Ovis: l’altra metà della coppia con Altum Neox

.

by Francesca Caeran

JADE perfetta

.

Di solito, quando devo scrivere un articolo, la prima cosa che faccio, dopo aver scelto a chi dedicarlo, è mandare una serie di brevi domande al cantante.  Le sue risposte mi aiuteranno poi a descriverlo bene. Nella stessa occasione, chiedo sempre il suo permesso per poter scrivere con il suo pieno consenso. Mi sembra una cosa doverosa, anche se poi, come tutti sanno, la critica non è mai negativa, ma sono più che altro lodi, le mie.  Qualche settimana fa chiesi a Cesko di consigliarmi sulla scelta di un nuovo cantante a cui dedicare il mio prossimo articolo, lo volevo italiano, e, come al solito, un vero cantante live. Cesko mi rispose senza esitare: bhè, sarebbe anche ora che tu dedicassi un articolo al tuo cantante Fabio78. Si, è vero, Fabio si meriterebbe uno dei miei più belli, articoli ma non mi è consentito scrivere sui miei cantanti, semplicemente perché il mio capo redattore, AquilaDellaNotte, pensa che sarebbe farmi troppa pubblicità personale.  Allora loro vengono penalizzati, perchè la reporter è anche la loro manager. Non è giusto. Non nascondiamoci dietro un falso “perbenismo”. Tutti i miei articoli fanno pubblicità a quelli a cui sono dedicati, a tutti tranne ai miei cantanti, che non possono usufruire di tale pubblicità.  Ecco, ci tenevo a spiegarvi amici il perchè nessuno dei miei articoli è stato fino ad ora dedicato ad un mio cantante, fatta eccezione per Putri Solo, in occasione di una gara canora vinta. E dunque, dopo aver spiegato tutto ciò a Cesko, lui continuò a citarmi altri cantanti italiani, tra cui Tempio Breil e Altum Neox. Bhè si, su Tempio potrei scrivere anche senza dover fare domande, e sarebbe sicuramente uno degli articoli più letti fino ad ora, ma  conosco Tempio, e non mi darà mai il suo consenso, è inutile anche provarci, hehehehe. Per quanto riguarda Altum, bhè evidentemente Ceskino non ha letto tutti i miei articoli, sennò saprebbe già che gliene ho dedicato uno, qualche mese fa.  Però … mi ha fatto venire in mente un’altra cantante, che un articolo se lo merita tutto, eccome: Jade75 Ovis!

Allora qui, apro una parentesi, perché è successa una cosa inconsueta. Come al solito, mandai a Jade una lista di 23 domande, e lei mi mandò in ritorno … praticamente, un articolo scritto da lei, dove si raccontava. LOL Jade, ti prometto che quello che hai mandato sarà si, cucinato in salsa Caeran, ma che terrò comunque il senso profondo di quello che hai desiderato esprimere.  Su, iniziamo… Prima di tutto, è più che ovvio che è impossibile parlare di Jade Ovis senza parlare di Altum Neox, il suo mentor ed amico del cuore. Jade parla di Altum con un profondo rispetto, si sente tutto l’affetto che lega queste due persone. Non starò qui a riferire, parola per parola, tutte le cose belle che Jade ha scritto su Altum, citerò soltanto questa frase: “senza di Altum io non sarei niente”. La nostra Jade è entrata in Second Life tre anni fa, e come tanti, ha desiderato esercitare qualche attività.  Due anni fa la incontrai in una land famosa, dove era manager. Un giorno sentii in voice una persona che cantava, e mi avvicinai (la solita curiosona, hehhe). Era Jade, che così, per gioco, si esibiva per gli amici. La qualità del voice era pessima, però ragazzi, già si sentiva la potenza della sua voce.  Dopo quel periodo come manager di land, è a Napoli che approdò, facendo la co-owner.  Una sera, sul palco di Napoli, si esibì quello che io chiamo “The Sexy Voice” cioè Altum Neox.  Racconta Jade che quella sera provò un’emozione indescrivibile: brividi, gioia e “leggiadine” (Jade, poi me lo spieghi cosa significa vero? LOL) e capì che un cantante non è solo bravo, per la potenza della sua voce, ma per quello che riesce ad esprimere, e per come riesce a riempire i cuori. Sono pienamente d’accordo con te Jade, l’ho sempre pensato anch’io, infatti. Ci sono cantanti bravissimi, che non trasmettono assolutamente nulla, e poi ci sono gli altri… quelli che ti fanno vibrare dentro.  E cosi, dopo quel colpo di fulmine con Altum, dopo aver scoperto sul Metaverso una stupenda complicità, e dopo aver deciso di diventare amici “veri”, incontrandosi in RL, scoprirono anche una passione comune: quella della musica. Il desiderio di cantare insieme era grande, ma rimaneva il problema di un unico streaming, da poter usare per lo stesso concerto. Il caso fece si che Jade si trasferisse in Toscana, a pochi chilometri dalla casa di Altum, e dunque diventò possibile cantare insieme, con un unico streaming, in diretta dalla casa di Altum. Ed è così che, spinta ed aiutata da Altum, fu trascinata al suo fianco sopra il palco di una land, e,  con il cuore che batteva all’impazzata, Jade si esibì per la prima volta sul Metaverso, per la gioia di tutti noi. E da quel giorno, iniziarono una lunga serie di concerti: Altum Neox & Jade75 Ovis, live singers. Io adoro la voce di Jade. Lei dice che ha un timbro duro e graffiato, io dico che ha la voce della Bertè 🙂 profonda, calda e sensuale.  Nessuno interpreta le canzoni di Loredana come fa lei, le canta in modo sublime, e sappi, cara Jade, che anche tu ci trasmetti un mare di emozioni, e tutta la sensibilità che ti porti dentro. Ma non ci sono unicamente le canzoni della Bertè nel suo repertorio, lei interpreta a meraviglia Mina, Mia Martini, Anna Oxa, e tanti altri, e canta pure in inglese.  Jade mi raccontò che iniziò a cantare con il suo papà, quando era ancora piccolissima. Seduta sulle sue spalle, facevano delle lunghe passeggiate, proprio come la grande Mia Martini si descrive, nella canzone “La Nevicata del ‘56”. Anche suo fratello è un bravo cantante, e se è bravo quanto te, Jade, speriamo di poter un giorno ascoltare pure lui su Second Life. Nata nel 1975 a Benevento, oggi vive a due passi del suo mentor Altum, in Toscana. Lavora in RL nel campo commerciale, ha lavorato e studiato teatro. Insomma, una donna moderna, la nostra Jade!   Io una cosa ci tengo a dirla: Jade e Altum sul palco sono complementari. Altum, giocherellone, la prende gentilmente in giro, e lei ha sempre la battuta pronta per farlo tacere. Si divertono, e si sente. Si vogliono bene, e si sente. Amano cantare insieme, e si sente. Sono stupendamente complici, e si sente.  E noi passiamo sempre un ottimo momento insieme a loro.  Altum da solo è bravo, ma Altum e Jade, insieme, sono fantastici!  Queste due persone si sono trovate grazie a Second Life, e sono diventate due anime gemelle, che ogni sera ci regalano ottimi momenti musicali, condividendo la loro complicità, e le loro emozioni, insieme a noi. Stupendi momenti, da passare ad ogni concerto, con Altum Neox & Jade75 Ovis: parola di Francesca Caeran.

Ascoltiamoli qui:

http://www.youtube.com/watch?v=e7ifYJ3pvx0&list=UUFo09VtKGZ6J09-bJnB5Tpw&index=1

Categorie:Music Tag:, ,

Khiron Ametza: una cantante Brasiliana bravissima da scoprire o riscoprire

by Francesca Caeran

Khiron Ametza - sunset

.

Era quattro anni fa, quando, sbarcando su questo Metaverso, mi resi conto che tutto quello che mi piaceva di più  fare  lo potevo realizzare anche nel secondo mondo, che stavo ogni giorno imparando a conoscere.  Ed è così, che quattro anni fa, girando i concerti  sulle terre di Second Life, arrivai a Mantova Italy.  Ricordo che la prima volta che andai a Mantova, ancora non sapevo che la Owner di questa terra era una grandissima stilista, che poi diventerà una  mia carissima amica: la signora Thera Taurog. Thera, come me, ama la musica, e spesso e volentieri gira anche lei le land per sentire ottima musica live. All’epoca, invitava spesso cantanti live ad esibirsi da lei.  Quella sera dunque, Thera aveva invitato una certa Khiron Ametza ed io ero li …  hehehe.

Khiron mi è subito piaciuta, per il suo stile pacato e tranquillo. Mi piaceva molto il suo repertorio musicale, era variato e contemporaneo. Ma, soprattutto, mi è piaciuta molto la sua voce, tanto melodiosa e dolce da provocare in me un evidente benessere. Infatti, Khiron non urla quando canta, dà senso di tranquillità, e canta benissimo.  Non è da tutti aver il potere di rilassare e calmare, lei ci riesce da Dio, e sono sicura che non sono l’unica a provare questa sensazione quando vado ad un suo concerto.  Dai, vi svelo un mio segreto: scelgo i concerti che andrò ad ascoltare in base al mio stato d’animo del momento. Come un farmaco, la musica può eccitarmi, calmarmi, rendermi allegra se sono triste, o darmi serenità nel momento giusto. E la musica svolge sempre il suo compito: non mi ha mai tradita.  Allora, la dottoressa Caeran ti consiglia di andare ad ascoltare Khiron Ametza, quando hai bisogno di calmare la tua agitazione, o semplicemente di rilassarti dopo una giornata stressante.  Vai ad ascoltare Khiron quando sei con la tua dolce metà, e desideri trascorrere una serata romantica. Se poi desideri allegria, chiedile di cantare le canzoni più allegre che ci siano, e lo farà molto volentieri.  E non temere l’overdose, puoi ascoltare Khiron anche più ore al giorno, lei si esibisce in tanti concerti, come i grandi cantanti live di Second Life, e ogni volta ha il buon senso di cambiare il suo repertorio per non stufare mai il suo pubblico.

Ma conosciamola un pò di più. Khiron è nata, e vive tutt’ora, nella città di Sao Paulo. Ha 49 anni, e dal 2009 ci delizia con le sue interpretazioni. Siccome fa la casalinga in RL, dice che ha tempo per studiare le lingue, che poi la aiuteranno ad interpretare le canzoni che parlano all’anima. Le sceglie tutte con molta cura, e lavora ad ogni canzone per ore ed ore, finchè non le diventa perfettamente conosciuta.  Pensate un pò, Khiron può cantare in 6 lingue diverse: Inglese, Italiano, Francese, Giapponese, Greco e, ovviamente, anche nella sua lingua materna, cioè il Portoghese. In RL ha fatto la corista per artisti Brasiliani famosi, e, fino al 2010, cantava anche per conto suo, fino a che non decise di dedicarsi unicamente al suo lavoro nel Metaverso.  Ultimamente l’ho sentita cantare la canzone di Chiara “Due Respiri”. Mi ha lasciata a bocca aperta. La sua interpretazione è perfetta, e quel suo accento accentua l’emozione delle parole. In Italiano canta anche le canzoni di Alessandra Amorosi, o quella stupenda, unica e magica, “Io Che Amo Solo Te” di Sergio Endrigo. Anche Tina Turner la interpreta a meraviglia, o Sade, o i Pink Floyd, e tanti, tanti altri… Un suo concerto non è mai noioso, credetemi.  Se per caso non siete mai andati ad ascoltare Khiron, allora amici, correteci. La sua bella e calda voce non vi lascerà indifferente. Insomma, io la classifico tra le migliori cantanti di Second Life, e si meritava di certo un articolo sul vostro Magazine preferito.  Un abbraccio affettuoso, e appuntamento al prossimo articolo.

La vostra: Francesca Caeran.

 

ASCOLTALA QUI:

http://www.youtube.com/watch?v=Ct1Yu6ssGYs

http://www.youtube.com/watch?v=8vzvOTEGcQw

Categorie:Music Tag:, ,

Am Quar live singer: un artista canadese a 360°

AM Quar - Summer 2012

.

by Francesca Caeran

.

“Cesko ti piace Am?”  “Frà questo cantante è da brivido, è un trascinatore che emoziona. La sua grinta è grande. Mi sta facendo entrare in un vero live, sono allo stadio e me lo sto godendo al 200%!” WAOW!  Dunque, il prossimo articolo mi sa che lo scriverà Cesko, heheheh perché, infatti, non avrei potuto trovare parole migliori per descrivere questo cantante. Am è straordinario, un vero cantante, un artista in tutti i sensi, e puoi contare su di me per darti la voglia di andare ad ascoltarlo. Passerai un’ottima serata!

Quando, per la prima volta, ho sentito cantare Am, ero in giro con un amico francese che, conoscendo la mia passione per la musica, mi convinse ad aspettare il live delle ore 24 dicendomi “guarda che ne vale veramente la pena!” La mia prima sorpresa, appena arrivata in land, è stata quella di sentirlo parlare in francese, con quel suo stupendo accento Canadese. Ma poi, la sorpresa più grande è stata quando ha iniziato a cantare. Come dice Cesko: Waow!   È l’unica parola che ti viene in mente sul momento, tanto sei immediatamente coinvolto dalla sua musica.   Pochi cantanti hanno  il “groove”, questo ritmo dinamico che fa la differenza tra un cantante ed un altro. Ebbene amici, Am non solo ti sbatte “groove” a palate nelle orecchie, ma appena cambia genere ti trovi anche ad ascoltare il suo swing (immagino già i sorrisi degli “esperti” che stanno pensando: ahooo Francè, vedo che ti sei documentata hahahhaha :P).  Dai passiamo ora a presentare Am.

Come ho detto, Am vive a Montreal in Canada, è un’ultra cinquantenne che canta in Second Life da due anni e mezzo. La sua professione in RL è quella del cantante (mi sarei fatta tagliare la testa, infatti, che era proprio cosi!) e canta da una vita. In RL canta con una band, anzi, in 40 anni di mestiere dice che ha avuto 13 band!  Il suo stile di musica: bhè il rock, il soft rock, il Jazz, la Pop Music, insomma tutto quello che fa musica, ma che lui interpreta sempre a modo suo, con il suo stile inimitabile, e con quel tocco di Am che rende unici i suoi concerti.  La sua voce è matura, rauca, potente, ma diventa dolce e sensuale, a seconda della canzone che lui interpreta. Lo sentirai cantare pezzi di Joe Cocker, Eric Clapton, Gary Moore (una meraviglia!) o Santana (un piacere sublime!) ma anche tanti altri brani in Inglese, Francese o Spagnolo e, in più, sta imparando anche  il Portoghese.  I suoi concerti sono un invito al ballo, se non ti muovi sulla sedia non mi chiamo più Caeran!

Ci sono cantanti che mettono il fuoco e altri no. Ci sono cantanti che ti danno voglia di provare a sentirli per conoscere il loro repertorio… e altri no. Bhè Am, non mette il fuoco, ma ti incendia la foresta Amazzonica (oh, povera lei :P) e un concerto assolutamente non ti basterà!     È bello vedere che la gente partecipa ai concerti, che applaude, che canta in local scrivendo le parole (si lo so, è la mia specialità, hehhe) o che manda gesture. A tanti dà fastidio, e capisco quando la cosa è troppo ripetitiva ed esagerata da dare fastidio in land per il lag che crea, ma bisogna riconoscere che l’unico modo per dare il nostro apprezzamento è proprio quello dell’applauso e delle gesture. Io dico che bisogna seguire le raccomandazioni degli owner, ecco, e se all’owner non dà fastidio, yeahhhhhh scateniamociiiiiiiiiiiiii. LOL.   Con Am ti assicuro che la voglia di scatenarti ti verrà, ti assicuro un live grandioso e un’ottima serata, e stai certo che ci tornerai: parola di Francesca Caeran 😉

Ascolta Am Quar qui:

http://www.youtube.com/watch?v=ZPZlslYXewc&list=PL76EC6C2CA4170583

http://www.youtube.com/watch?v=_VvibtjXA04

Categorie:Music Tag:, ,

Cartoons Show

Cartoon Show gold in the night

.

Si è tenuto ieri un bellissimo spettacolo presso la land “Gold in The Night”, di Elisea Carter (http://maps.secondlife.com/secondlife/KLIO/189/16/24). Lo spettacolo, organizzato con molta cura e grande attenzione ai particolari, ha rappresentato un musical, “Cartoons Show” per l’appunto, interpretato da tantissimi Avatar, che indossavano abiti ed outfit preparati da Elisea Carter e Lady Mor, anche come propria linea di prodotto (http://maps.secondlife.com/ secondlife/KLIO/238/181/24). Si sono alternati sul palco più di venti personaggi dei cartoon: da Batman a Snoopy, da Catwoman a Joker, da Cenerentola col Principe a Jessica Rabbit, e così via. E questi personaggi erano interpretati da Avatar molto conosciuti nel mondo del Fashion: Kessy Laville, Ets Zessinthal, Ora Ohara, Sulfurea Feldragonne, Alberto Lorenfield, Memole Ghia, Siria87 Galicia, chicco rabeni, Orchidea Aeon, ecc. ecc. Responsabile casting e coordinatrice Memole Ghia. Voce narrante della serata, Ortensia Zahn, che ha gestito con maestria l’alternarsi dei protagonisti sul palco, mentre le musiche che hanno accompagnato lo spettacolo erano quelle originali dei film e dei cartoon.

Una serata ispirata ai sogni di noi tutti, perché ognuno di noi ha impresso, nel proprio immaginario, i personaggi fantastici che hanno accompagnato la nostra giovinezza, e che ancora accompagnano la nostra vita da adulti. Sogni ancestrali ormai parte di noi.

La vista d’insieme dello spettacolo è stata piacevolissima e, a parte il solito lag, limite invalicabile posto dall’attuale tecnologia di Second Life, si è riusciti a dare ritmo e continuità alle diverse storie che si susseguivano.

Devo dire che uno spettacolo preparato da gente abituata alle sfilate di moda, e quindi per mestiere attenta ai dettagli, si è rivelato un evento davvero piacevolissimo e di grande impatto visivo. E’ la dimostrazione che la professionalità acquisita nel Metaverso non è un traguardo effimero o legato solo a un particolare settore, ma diventa un reale know how indispensabile nell’utilizzo delle potenzialità del mezzo virtuale.

Un ringraziamento quindi a questi personaggi, e alle organizzatrici della serata, con un suggerimento che è anche un auspicio: perché non sfruttare ancora queste competenze per ripetere eventi di questo genere, magari in collaborazione con altre competenze, abituate a gestire il mondo dello spettacolo in Second Life? Ne verrebbe fuori una condivisione di esperienze che contribuirebbe a creare, e a diffondere, risultati all’altezza dello show a cui abbiamo assistito in questa occasione. Complimenti davvero!

Snapshot_Cartoon_ter_010 Snapshot_Cartoon_ter_009 Snapshot_Cartoon_ter_005 Snapshot_Cartoon_ter_003 Snapshot_Cartoon_bis_009 Snapshot_Cartoon_bis_006

Theresa Nayar: un immenso talento musicale, una straordinaria umiltà.

by Francesca Caeran

.

theresa_guitar2

.

Era una Domenica per nulla bestiale, ma tanto, tanto noiosa, qui in Second Life. Francesca che si annoia in Second Life? Seeee, domani! Purtroppo, mi succede quando non ho nulla da scoprire di nuovo, quando non c’è nessun cantante da ascoltare, o quando i miei più cari amici sono in RL. Mi succede quando non sto lavorando su qualcosa da organizzare, o quando nessun owner mi imma per chiedere informazioni. Ok, lo ammetto, succede di rado, ma ogni tanto capita.
E quella Domenica pomeriggio era così, ero presa dalla noia. Apro il gruppo pensando: vediamo cosa fanno gli altri, e, infatti, c’è chi stava ballando in qualche disco, chi stava in dolce compagnia, chi stava facendo shopping e chi era al kickin Club. Per chi non sa ancora (e sono pochi) quello che succede al kickin, bhe, tantissimi cantanti si susseguono sul palco per farsi conoscere. Per me questo Club è fonte di scoperta continua, e qui svelo un segreto: è qui che ho trovato tutti quegli stupendi cantanti che ho portato in giro per tante land. Al kickin c’era una mia amica del gruppo che mi manda un tp, e appena sbarcata, sento questa cantante: la voce mi piace subito. E’ melodiosa, dolce, tanto bella. Tempo di rezzare per vedere chi era, e decido che la voglio conoscere: è Theresa Nayar, cantante live. Lei si diverte sul palco, e trasmette buon umore (yeah! mi sento già meglio). Mi fa passare un momento bellissimo. Intanto tippo il gruppo, e commentiamo le nostre sensazioni. Non c’è dubbio, Theresa crea l’unanimità!

Theresa è Olandese, ha 46 anni, e anche lei vive a pochi chilometri da me (ho deciso,  organizzerò un concerto in Belgio con Nadine Morani, Laura Savio e Theresa Nayar, hehehe siete tutti invitati!). Theresa canta in Second Life da due anni, dopo che il mitico Avantgarde Frequency (sarà protagonista di un mio prossimo articolo) l’aveva sentita cantare e le aveva consigliato di continuare su questa via, aiutandola. Ogni tanto canta anche in RL, ma la sua vera vita la dedica ai suoi due bimbi e al lavoro RL. Lei dice che canta in Second Life per divertirsi, perché cantare le procura gioia e piacere. Canta ogni genere musicale, con molta facilità: Noriah Jones, Tracy Chapman, Eric Clapton e tanti altri… Theresa è una bravissima cantante, che merita di essere conosciuta anche nelle nostre land. Un particolare poi la rende ancora più interessante: Theresa è una delle poche cantanti live (e se scrivo su di lei è perchè canta esclusivamente in live) che canta “a tipjar”.
Infatti, quando l’ho immata per conoscerla, e le ho chiesto bio e tariffa, mi ha risposto che lei canta solo per il piacere, non ha un “cachet”. Lei rezza la sua tipjar e, se la gente si diverte,  mette qualcosa dentro.
Caspita, era la prima volta da quando faccio questo lavoro che sentivo una cosa del genere.

E, visto che si parla di concerti con tipjar, consentitemi una piccola parentesi, con una considerazione del tutto personale. Nelle nostre land italiane (ma anche in quelle francesi) non c’è la cultura dei concerti con solo tipjar, come ad esempio c’è in America (vedi al Franks Elite, o al Bogart, dove i cantanti fanno la fila per cantare, con solo tipjar). Si parte dal presupposto che un cantante viene pagato dall’owner, e dunque le persone presenti al concerto difficilmente mettono soldi nelle tipjar. E cosi, molti cantanti non cantano senza un cachet fisso. Io per prima, in quanto manager di vari cantanti, consiglio loro di non accettare il solo tipjar, per rispetto dell’owner, che li pagherà con cachet fisso. Poi c’è anche quell’eccezione, dove la land è super frequentata, si parte con tipjar, si sollecita la gente a fare un offerta, e, se a fine concerto non si è raggiunto la tariffa prefissata, ci pensa l’owner a dare al cantante la differenza. E questa cosa mi sta anche bene. Chiusa la parentesi. Ebbene amici, adesso non ditemi più che non sapete chi è Theresa Nayar, e mi raccomando, quando andrete al suo concerto, pensate alla sua tipjar 😉 Lei merita tanto, è grande, non solo per la voce, e per il suo modo di fare, ma anche perchè lei ha capito che, prima di tutto, nel Metaverso ci si diverte facendo quello che più ci  piace fare, e, nel suo caso, è cantare.

A presto, al prossimo articolo, con affetto: Francesca

Categorie:Music Tag:, ,