Archive

Archive for the ‘Art and Culture’ Category

Archeologia virtuale in SecondLife / OpenSimulator vista dagli esperti…

Sono sempre molto interessato a tutto ciò che è cultura virtuale, ed ecco che stamane nella casella di posta elettronica mi appare un bellissimo regalo: è uscito il numero di Aprile 2013 del “Giornale di Ricerca sui Mondi Virtuali” http://jvwresearch.org/. L’ultimo numero si intitola “Assemblare il metaverso”, e uno degli articoli è per l’appunto “Archeologia Virtuale in SecondLife e in OpenSimulator” http://journals.tdl.org/jvwr/index.php/jvwr/article/view/7047 a cura di Luís Miguel Sequeira, Leonel Caseiro Morgado.

Leggendolo ho sentito il bisogno di divulgarne il contenuto, anche perchè questa ottima lettura mi ha dato la possibilità di intraprendere unennesimo cammino tematico di esplorazione dei mondi virtuali, scoprendo o riscoprendo luoghi importanti.

Ecco un piccolo riassunto per coloro che non riescono a leggerlo in inglese. Gli autori portoghesi cercano di spiegare le varie categorie di Archeologia Virtuale con diversi esempi e per ognuna cercando di spiegare il perchè e i vantaggi che un uso intelligente dei mondi virtuali possano avere per gli esperti del settore.

Riepilogo

Partiamo dalla definizione. Si considera archeologia virtuale lo sforzo di “catturare” e preservare informazioni di luoghi particolarmente importanti, cosiddetti  “Patrimonio dell’Umanità”, creare dei modelli e  mostrarli al pubblico.

L’importanza di SecondLife e di OpenSim in questo contesto è che per la prima volta dalla nascita degli strumenti di rappresentazione 3D hanno consentito anche a dilettanti e non solo a guru tecnologici esperti di poter rappresentare direttamente i modelli “in tempo reale” e senza appunto dover per forza utilizzare superesperti. Gli archeologi si sono potuti quindi cimentare da soli realizzando delle rappresentazioni 3D altrimenti costosissime o quasi impossibili nel mondo “reale”.

Gli archeologi si sono accorti che era possibile ottenere un notevole effetto di accuratezza storica/spaziale con modelli a basso numero di poligoni  (vedasi il progetto Rome Reborn ottenuto disponendo dei semplici poligoni su Google Earth) http://www.romereborn.virginia.edu/

Il problema di questo tipo di ricerche è che il risultato non è facilmente fruibile se non in maniera indiretta (video/foto) e non è interattivo per il pubblico. Da qui si capisce il valore enorme dei mondi virtuali dove il contenuto è generato dagli utenti e in particolare nel nostro caso SecondLife o OpenSimulator.

Parlando però di Archeologia Virtuale dobbiamo elencarne alcune “specializzazioni” e in particolare:

Cyber Archeologia

Questa è una interessante e notevole sezione in cui si cerca di preservare come Patrimonio dell’Umanità anche i costrutti virtuali: edifici, opere e fatti storici che sono stati creati soltanto nel mondo parallelo di SecondLife o di OpenSim. Partendo dalle analisi antropologiche di Boelstorff (Coming of Age in SecondLife di cui avevo già scritto alcuni appunti qui https://virtualworldsmagazine.wordpress.com/2012/09/02/antropologia-virtuale-e-il-mito-di-prometeo-cosa-centrano-con-i-mondi-virtuali/), e in particolare con riferimento ad un articolo di Harrison (Excavating SecondLife : CyberArcheologies, Heritage and Virtual Communities http://ebookbrowse.com/excavating-second-life-revised-pdf-d45624858 da cui si ricava che questo particolare “gioco” apparentemente fine a se stesso in realtà segue delle regole molto simili agli equivalenti reali. Per cui usando le parole di Harrison “il ruolo della Cyber Archeologia non è soltanto di studiare la tecnologia con cui sono creati gli oggetti ma gli oggetti stessi che sono creati all’interno del cyber-spazio”. Ciò che viene preservato è qualcosa utilizzato dalle varie comunità virtuali per costruire i propri miti. Esempi di cyber archeologia li trovate ad esempio in questo mio articolo

Archeologia Virtuale fatta da non Professionisti

Vista la relativa facilità “costruttiva” ci sono moltissime persone dilettanti che ogni giorno si preoccupano di costruire delle virtualità più o meno realistiche e più o meno aderenti a realtà storiche effettive. Questi entusiasti costruiscono intere isole con ricostruzioni di paesaggi storici, ma anche di ambientazioni tratte da film, romanzi o miti. Per lo più l’intento è quello di usarle per “viverci dentro” allo scopo di fare giochi di ruolo RPG. Uno degli esempi più emblematici di questo genere è costituito dalle isole costituenti il cosiddetto Regno di Caledonia in SecondLife dove si accosta la ricostruzione storica del periodo vittoriano di fine XIX secolo con il cosiddetto SteamPunk in cui si suppone che siano state fatte delle scoperte tecnologiche ma tutte adattate esteticamente ai modelli visuali di quel periodo. (cfr. http://secondlife.com/destination/caledon , http://secondlife.wikia.com/wiki/Independent_State_of_Caledon ma anche il loro sito web http://www.steamlands.com/wiki/Independent_State_of_Caledon

Per un esempio invece di archeologia virtuale fatta non per un gioco di ruolo citiamo CDS: Confederazione dei Simulatori Democratici che illustra una interessante mistura di architettura Romana, Bavarese/Alpina e medievale: http://portal.slcds.info/#6

Musei virtuali Archeologici

Questa terza categoria è senz’altro più “standard”, e i musei vengono costruiti di solito in modo molto simili (anche se con molte possibilità in più) ai musei “reali”. Come questi condividono di solito una relativa “noiosità” intrinseca. In molti casi tuttavia i musei oltre che mostrare materiali statici e dei riferimenti multimediali (video, immagini, modelli con suoni ecc), possono vantare una interattività inusitata, consentendo ai visitatori di viaggiare, esplorare e sperimentare direttamente alcune caratteristiche. In alcuni casi la realtà stessa del museo può essere liberamente ricostruita a seconda di tasti premuti dal visitatore, come ad esempio la ricostruzione in tempo reale di edifici in vari momenti storici.

Alcuni studi hanno dimostrato che i musei virtuali di questo tipo attraggono molto di più delle controparti reali. Le persone sono più disponibili a visitare installazioni virtuali ed eventualmente a proseguire poi l’esplorazione anche nella realtà. Alcuni esempi di musei virtuali è il Museo Internazionale di Astronavi http://secondlife.com/destination/25

Archeologia Virtuale Interattiva

Abbiamo visto che l’elemento fondamentale dei mondi virtuali è il loro dinamismo ed interattività, il fatto cioè che l’esperto non debba studiare le cose a tavolino e che poi le commissioni ad un esperto che le modella e le concretizza dopo un certo quantitativo di tempo. L’archeologo può costruirsi “da solo” la propria scena archeologica e farlo mentre sono presenti altre persone ed altri archeologi che possono discutere e modificare la sua ricostruzione con contributi originali ed importanti. Si è visto ad esempio che ricostruendo delle città storiche e osservando come i colori e le ombre offerte dal sole virtuale di SecondLife abbiano potuto aggiungere importanti informazioni su come la ricostruzione potesse essere più realistica e come alcune ricostruzioni di dipinti o di documenti storici fossero in realtà sbagliate perchè arricchivano di elementi falsi la realtà.

Lisbona prima del terremoto del 1755

Uno dei progetti più significativi in questo senso è la ricostruzione della città di Lisbona prima del terremoto del 1755 a seguito del quale era stat ricostruita in modo completamente differente. Il progetto era stato inizialmente realizzato in SecondLife ma poi si è trasferito in Kitely (OpenSimulator). Lo potete trovare qui: http://lisbon-pre-1755-earthquake.org/ per entrare utilizzando l’identità facebook (e un viewer abilitato ad entrare in OpenSim come Phoenix, Firestorm OS o altri simili) http://www.kitely.com/virtual-world/Jeff-Bush/Lisbon-1755

 Sydenham Crystal Palace con Pompeii

in SecondLife dove l’università di bristol ha ricostruito la città di Pompei così come era stata mostrata nell’esposizione di Londra del 1854.

http://sydenhamcrystalpalace.wordpress.com/

http://secondlife.com/destination/sydenham-crystal-palace

Theatron 3 (inattivo)

Altro progetto ormai abbandonato in SecondLife è stato il Theatron 3 project il cui scopo era la ricostruzione di alcuni dei più interessanti teatri storici. http://cms.cch.kcl.ac.uk/theatron/index.php?id=88

Un tributo ad un genio del Metaverso: Rose Borchovski

Andate a vedere, o a rivedere se l’avete già fatto, l’installazione “The Arrival” di Rose Borchovski al MiC (http://maps.secondlife.com/secondlife/MIC/204/156/40). Vi sembrerà di immergervi in uno di quei quadri di Hieronymus Bosch, il famoso pittore olandese del XV secolo. Ogni dettaglio va osservato con cura, ogni personaggio, ogni oggetto. Ognuna delle componenti dell’installazione è un contributo insostituibile alla visione dell’insieme. Persino gli oggetti più minuti, i fasci di luce, i volti, disegnano uno scenario perfetto da cui non vorreste più allontanarvi. Ogni scena vi porta ad un’altra, ogni dettaglio ad un suo predecessore. Potreste passarci ore, non vi stanchereste mai. Le immagini che ho montato non rendono certo l’idea: dovete camminarci dentro, viverla. Quando si parla di arte nel Metaverso, spesso con troppa superficialità, venite con la mente a questa opera di Rose. Capirete la differenza tra qualcosa che può definirsi arte e i pur fantasiosi manufatti che si vedono in giro per Second Life. Non è corretto fare paragoni. Molti sono gli artisti, i creativi che lavorano nel Metaverso, ognuno con passione e impegno. Ma se qualcuno dovesse chiedermi, in giro per il mondo, o in una galleria d’arte di Roma o Milano, se c’è arte nel Metaverso, gli risponderei mostrandogli queste immagini. Non credo che qualcuno sarebbe in grado di smentirmi … Un tributo a lei, a Rose Borchovski. Buona visione.

http://www.youtube.com/watch?v=1dzj0hO7Ilc

.

http://www.flickr.com/photos/aquiladellanottekondor/sets/72157633181053794/

Poltergeist

by AquilaDellaNotte Kondor

.

     Solkide Auer @ tKF

Abbiamo visitato in anteprima la mostra di Solkide Auer, “Poltergeist” allestita a Solaris (http://maps.secondlife.com/secondlife/Solaris Island/172/41/1402), a cura della Torno Kohime Foundation a partire dallo scorso 20 marzo. Una meraviglia di colori e di luce, che avvolgono il visitatore e invadono i sensi in un turbinio di sensazioni visive che non possono lasciare indifferenti. Abbiamo approfittato della disponibilità dell’autore per chiedergli di darci, lui direttamente, gli elementi d’interpretazione di quest’opera.

AquilaDellaNotte Kondor: Solkide, dimmi di quest’opera, davvero notevole.

Solkide Auer: di base, è un lavoro che è tipico delle mie creazioni tradizionali, in cui la geometria fa da linea conduttrice.

AquilaDellaNotte Kondor: stavolta è molto complesso…

Solkide Auer: si, ho voluto incentrare il tutto in uno spazio più ristretto, in cui il visitatore viene completamente assorbito dall’opera. Non a caso il titolo e’ Poltergeist.

AquilaDellaNotte Kondor: ci sono delle linee radiali, molto suggestive, e mi sarei quindi aspettato una sfera per questo, invece hai dato una forma allungata…

Solkide Auer: si delineano delle direzioni ben precise, come se fossero un riferimento nella confusione delle altre forme, che comunque non sono proprio confuse, diciamo probabili vie di fuga da queste presenze, che avvolgono il visitatore.

AquilaDellaNotte Kondor: perchè questo titolo? Richiama una presenza ultraterrena.

Solkide Auer: si, in fondo tante storie raccontano che le presenze sono intorno a noi, ma che non le vediamo. Ho voluto provare a immaginarle, e dare loro una forma.

AquilaDellaNotte Kondor: parlami delle altre tue opere che stai preparando.

Solkide Auer: ho avuto  la possibilità di esporre per la LEA per 5 mesi, in una land intera, tutta per me, e sto preparando una  serie di lavori legati al mito dei Pink Floyd, ma comunque ideati dalla mia fantasia. Penso entro maggio di finire.

AquilaDellaNotte Kondor: sarà molto grande allora, non ci anticipi nulla?

Solkide Auer: posso dirti che comunque ci saranno i simboli che hanno rappresentato la storia dei Pink Floyd, prima tra tutti il prisma di Dark Side of the Moon, che sarà il punto di arrivo.

AquilaDellaNotte Kondor: fantastico!

Solkide Auer: è un pò più grande della piramide di Cheope in Egitto (quella vera!) AquilaDellaNotte Kondor: ci avviserai in anteprima, allora.

Solkide Auer: certo, contaci.

AquilaDellaNotte Kondor: ci vediamo presto allora. Grazie per questa chiacchierata.

Solkide Auer: grazie a te, a presto.

E, come al solito, lasciamo alle immagini il compito di darvi un’anticipazione di quello che vedrete visitando l’opera direttamente. Buona visita!

.

Snapshot_Solkide_Solaris_001Snapshot_Solkide_Solaris_005Snapshot_Solkide_Solaris_002Snapshot_Solkide_Solaris_bis_001Snapshot_Solkide_Solaris_003

Fashion For Life

Fashion Foir Life è una manifestazione, costituita da una serie di eventi in Second Life, della durata di una settimana non stop, partita alle ore 12.00 SLT di sabato 9 Marzo, con durata fino al 17 Marzo, data in cui è previsto il grande party di chiusura, alle ore 11.00 SLT (http://slurl.com/secondlife/FFL Event Sim/126/146/28). Obiettivo della manifestazione è raccogliere fondi per l’American Cancer Society’s Relay for Life, la più grande organizzazione no-profit al mondo per il supporto alla lotta che quotidianamente viene condotta contro il cancro da milioni di persone: pazienti, medici, familiari, organizzazioni mediche ed umanitarie.

Una settimana densa di eventi per celebrare la vita, nelle sue varie forme (http://thebestofsl.com/ffl2013/). Potrete così visitare le sette postazioni artistiche dedicate alle sette meraviglie del mondo antico, tra le quali si svolgeranno gli eventi:

1 – Il mausoleo di Alicarnasso:  http://slurl.com/secondlife/Mausoleum at Halicarnassus/117/40/21

.

MausoleoAlicarnasso_001

.

2 – Il tempio di Zeus ad Olimpia: http://slurl.com/secondlife/Zeus at Olympia/198/113/23

.

TempioGiove_001

.

3 – I giardini pensili di Babilonia: http://slurl.com/secondlife/Gardens of Babylon/99/153/41

.

GiardiniPensili_001

.

4 – Il tempio di Diana ad Efeso: http://slurl.com/secondlife/Artemis at Ephesus/45/150/24

.

DianaEfeso_001

.

5 – Il Colosso di Rodi: http://slurl.com/secondlife/Colossus of Rhodes/127/91/258

.

 ColossoRodi_001_001

.

6 – La grande piramide a Giza: http://slurl.com/secondlife/Pyramid of Giza/84/201/22

.

PiramideGiza_001

.

7 – Il grande Faro di Alessandria: http://slurl.com/secondlife/Lighthouse of Alexandria/26/72/20

.

FaroAlessandria_001

.

 .

Tutti voi conoscete queste  meraviglie dell’antichità, di cui solo una sopravvissuta fino ad oggi (la piramide di Cheope), e vedrete così, con l’occasione, le loro realizzazioni in Second Life, distribuite su nove sims, e realizzate da alcuni dei più noti artisti di Second Life. Su queste sims sono state allestite esposizioni (a cura di molte tra le più importanti agenzie di moda in Second Life) e si terranno gli eventi programmati nell’arco dell’intera settimana (http://www.flickr.com/groups/2142896@N20/).

Credo che voi tutti seguirete il percorso della visita per ammirare queste opere, ma consentitemi di segnalarvi una di queste opere tra le altre: Il faro di Alessandria, opera della nota artista Bryn Oh, ai nostri lettori già nota (https://virtualworldsmagazine.wordpress.com/2012/08/26/the-cube-project/). Quest’opera spicca per originalità, sensibilità artistica, e capacità artistica. Da sola vale il tempo della visita. Buona visione!

Un cenno d’apoteosi artistica di Grazietta Cazenove

by priesthe spiritor

.Snapshot_1_cazenove

.Devo porgere un mio inchino personale a codesta eccezionale artista, Grazietta Cazenove, la quale ha saputo cogliere nella sua arte figurativa l’essenziale, pur essendo, i suoi dipinti, intrisi di colori.

Un osservatore che ammira un’opera d’arte non deve né giudicare né criticare un dipinto con la mente, ma ascoltare in sé, cioè nel suo cuore, le emozioni, le quali vengono suscitate da una qualsiasi opera osservata. Sì, è proprio così; ogni opera d’arte suscita in noi emozioni di ogni genere.  E queste ultime, le emozioni, non devono essere filtrate dalla nostra mente razionale, bensì dai nostri sensi e dai nostri istinti, i quali creano in noi un rapporto emozionale-pedagogico; Insomma, per dirla in breve, possiamo gioire per ogni opera d’arte a patto che la nostra razionalità non si insinui tra le nostre emozioni.

Qualche giorno avanti, io personalmente assistetti a una conferenza sul grande regista Federico Fellini. Tale regista trattò, nei suoi appunti illustrati dell’epoca, dei suoi pensieri  sugli occhi che guardano, che osservano e che creano. Fellini fece notare a noi tutti, com’è già noto, che l’occhio sinistro è l’occhio della donna, l’occhio che crea. Un po’ come la mano sinistra, che rappresenta la mano dell’artista e la mano del femminile. Tutti noi siamo sia donne sia uomini, ma di ciò non ne siamo coscienti, e a tal punto subentra una donna come Grazietta Cazenove, la quale ci ricorda che il femminile che c’è in noi è una parte da scorgere e riscoprire.

Senza la nostra donna interiore noi siamo pietre e terra, ma se cerchiamo e troviamo quella parte sensibile, che ci “attanaglia” alla natura del nostro essere, essere sia uomo che donna, allora riscopriremo il fuoco della passione e dell’amore creatori; come nel celebre dipinto qui in foto, in testa all’articolo, che l’artista  ha creato e dal quale ci lascia percepire tutto ciò. “Volando… Flying…” è il titolo di questo straordinario dipinto su cui mi sono appena espresso.

Snapshot_3_cazenove

.
Anche dal punto di vista tecnico l’artista non è da meno, è un pò restio a denunciare le proprie tecniche pittoriche. Ma, da quello che s’intende nella sua arte pittorica – digitale, è abile nel creare una simbiosi perfetta tra il reale e il surreale, dalla quale trapela la straordinaria volontà alla vita e all’essere se stessi, in ogni momento.

Ma la sua voglia di libertà e d’espressione materico-digitale, nonchè d’espressione sensibile-artistica è presente in tutti i suoi eccellenti dipinti. Difatti possiamo semplicemente notare la sua volontà d’espressione, osservando semplicemente senza alcun giudizio le sue opere, così da rapirci e trasportarci in un mondo del tutto vivo e genuino. Il mondo della nostra benemerita artista… Grazietta Cazenove.

.

Snapshot_2_cazenove

Sussurri e grida

by AquilaDellaNotte Kondor

.

Narra l’artista, che se entri profondamente, con la tua mente, in una commedia di Shakespeare, o in una novella di Dostojevsky, o anche in un quadro di De Chirico o di Dalì, o in ogni altra creazione artistica, allora entri in un regno fantastico, che fu originariamente creato nella mente dell’autore, e che, a distanze abissali di tempo e di spazio, ancora stimola una ricostruzione soggettiva della creazione originaria immaginata, e poi rappresentata, dall’autore. Ma dove si colloca questa realtà? Essa si colloca nella mente di quanti sono stati così fortunati da godere, anche a distanza di secoli, di tale creazione artistica, attraverso la sua rappresentazione, nel tempo e nello spazio, con immagini o con le parole generate dal creatore, come appunto è il caso di Shakespeare, che ha ispirato la mostra che vi illustreremo.

L’artista in questione è Nino Vichan, un artista americano, di New York, che si occupa di arte anche in RL, e che, all’interno del Metaverso, ha voluto creare una progressione di immagini rappresentative di due famosissimi drammi di William Shakespeare: Il Mercante di Venezia, e il Macbeth.

Ho visitato la mostra di Nino, allestita nella land di LEA28, e come sempre, quando mi trovo di fronte ad una rappresentazione artistica di grande impatto, cercherò di far parlare le immagini, più che raccontarle, poi ognuno potrà trarre, dalla visione della mostra stessa, le sensazioni che riuscirà a cogliere. Qui ogni interpretazione è soggettiva, posso solo dirvi, accompagnandovi con le immagini attraverso il percorso della mostra, che ho provato, immerso in queste bellissime scenografie, una sensazione di familiarità storica e di profondità immedesimazione nelle immagini: profondità nello spazio, grazie alla sapiente disposizione delle scene e alla varietà dei soggetti rappresentati, e profondità nel tempo, che a distanza di 450 anni rispetto alla nascita di questi due drammi, rende emozionante ai nostri occhi la rivisitazione di queste due drammatiche storie. Ci riconciliamo così con quanto dichiarato preventivamente dall’artista: entriamo nel regno fantastico di queste storie, immaginato, prima ancora che fossero scritte, nella mente di colui che queste storie ha creato: William Shakespeare.

Vorrei che tutti i nostri lettori visitassero questa mostra, lasciando magari le loro impressioni come commenti a questo post. Sarebbe interessante mettere a confronto le sensazioni più diverse raccolte nella visita a questa ricostruzione virtuale. Grazie, Nino Vichan, per questa ricostruzione fantastica. Buona visita!

La sequenza delle foto rappresenta il percorso da seguire nella visita:

 1_Snapshot_NinoVichan_Sussurri&Grida(ingresso)

1.    Sussurri e Grida (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/141/124/1610)

2_Snapshot_NinoVichan_Ingresso)

2.    Ingresso (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/134/131/1610)

3_Snapshot_NinoVichan_StregheSussurranti

3.    Macbeth – Le streghe sussurranti (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/210/200/22)

4_Snapshot_NinoVichan_Antonio&Bassanio

4.    Antonio e Bassanio; i sussurri che si ascoltano ripetono la frase “the end is near” alla rovescia (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/225/80/26)

5_Snapshot_NinoVichan_Shylock&Antonio

5.    Shylock e Antonio: (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/215/48/28)

6_Snapshot_NinoVichan_Portia&Bassanio

6.    Portia e Bassanio (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/156/54/30)

7_Snapshot_NinoVichan_Lorenzo&Jessica

7.    Lorenzo e Jessica (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/130/33/33)

8_Snapshot_NinoVichan_Solanio&Salarino

8.    Solanio e Salarino (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/101/43/35)

9_Snapshot_NinoVichan_FantasmiMarinaiMorti

9.    Fantasmi dei marinai morti (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/210/200/22)

10_Snapshot_NinoVichan_FantasmaCapitano

10. Fantasma del Capitano (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/97/55/5)

11_Snapshot_NinoVichan_TesoroDiAntonio

11. Il tesoro di Antonio (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/84/65/1)

12_Snapshot_NinoVichan_NaviNaufragate

12. Le navi di Antonio naufragate (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/94/20/32)

13_Snapshot_NinoVichan_PortiaAntonio&Shylock

13. Portia, Antonio e Shylock (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/61/62/38)

14_Snapshot_NinoVichan_TribunaleDiVenezia

14. Il Tribunale di Venezia (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/30/76/38)

15_Snapshot_NinoVichan_ForestaIntricata

15. La foresta intricata (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/165/194/29)

16_Snapshot_NinoVichan_ForestaVivaFantasmi

16. La foresta viva di fantasmi (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/138/189/29)

17_Snapshot_NinoVichan_ManoInsanguinata

17. L’interno del castello di Macbeth: il pugnale che ha assassinato il Re e la mano di Lady Macbeth insanguinata (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/76/182/38)

18_Snapshot_NinoVichan_GlobeTheatre

18. Il Globe Theatre dopo l’apocalisse (http://maps.secondlife.com/secondlife/LEA28/225/82/26)

Vorrei che tutti i nostri lettori visitassero questa mostra, lasciando magari le loro impressioni come commenti a questo post. Sarebbe interessante mettere a confronto le sensazioni più diverse raccolte nella visita a questa ricostruzione virtuale. Grazie, Nino Vichan, per questa ricostruzione fantastica. Buona visita!

La creatività di Talullah Winterwolf

Snapshot_Talullah_008

.

Il tema della creatività è solitamente associato alla possibilità che ognuno ha, nel mondo di Second Life, di costruire oggetti e riprodurre immagini, di metterle poi insieme per “creare” opere più o meno artistiche. Tali opere sono poi definite, solitamente dal creatore, “arte”. Se ripensiamo criticamente a questi modelli di creatività, a cui ci hanno abituato in Second Life, dobbiamo ammettere che la creatività deve necessariamente essere qualcosa di diverso. Partiamo dalle definizioni, largamente condivise, di creatività (http://it.wikipedia.org/wiki/Creatività):

“Tra le moltissime definizioni di creatività che sono state coniate, si segnala per semplicità e precisione quella fornita dal matematico Henri Poincaré: “Creatività è unire elementi esistenti con connessioni nuove, che siano utili”. Le categorie di “nuovo” e “utile” radicano l’attività creativa nella società e nella storia. Il “nuovo” è relativo al periodo storico in cui viene concepito; l'”utile” è connesso con la comprensione e il riconoscimento sociale. Nuovo e utile illustrano adeguatamente l’essenza dell’atto creativo: un superamento delle regole esistenti (il nuovo) che istituisca una ulteriore regola condivisa (perché rivelatasi utile). Si individuano anche le due dimensioni del processo creativo che unisce disordine e ordine, paradosso e metodo. Infine, le categorie di nuovo e utile ampliano la sfera delle attività creative a tutto l’agire umano a cui sia riconosciuta un’utilità economicaestetica o etica – e che sviluppi uno dei tre possibili gradi di novità: applicazione nuova di una “regola” esistente, estensione di una regola esistente a un campo nuovo, istituzione di una regola del tutto nuova. Poiché si fonda sulla profonda conoscenza delle regole da superare, la creatività non può svilupparsi in assenza di competenze preliminari. Caratteristiche della personalità creativa sono curiosità, bisogno d’ordine e di successo (ma non inteso in termini economici), indipendenza di giudizio, spirito critico, insoddisfazione, autodisciplina.

Snapshot_Talullah_bis_001

.

Ho riportato in grassetto quelle che, a mio parere, sono le parole chiave di questa definizione: un processo cioè innovativo che propone idee nuove, o l’utilizzo di idee preesistenti per nuove applicazioni. Per far questo occorre conoscenza delle regole, spirito critico e indipendenza di giudizio. La creatività cioè, è la capacità di creare nuovi modelli, o di applicare in modo completamente nuovo modelli esistenti, che si danno per acquisiti. La capacità quindi di mostrare agli altri nuove idee, nuove strade da percorrere. Un contributo originale all’evoluzione del pensiero e della fantasia, sostanzialmente. Alla luce di queste definizioni, dovremmo analizzare criticamente ogni nuova, presunta “opera d’arte” per capire se si tratti o meno di una manifestazione di creatività.

Questa premessa mi era indispensabile per spiegarvi il motivo per cui, visitando la mostra di Talullah Winterwolf ho avuto la netta sensazione di trovarmi di fronte all’opera di un’artista, un vero “creativo” (http://www.youtube.com/watch?v=TrigD__r3oU&feature=youtu.be). Ho visto le sue opere, la sua maestria nel miscelare immagini e colori a partire da un’idea che si forma nella sua fantasia, e fino ad arrivare a materializzare quello che lei stessa definisce una “storia”, miscelando i suoi disegni con immagini catturate sul web, per dare quindi forma a quanto aveva già intuito e immaginato con la sua fantasia. Una miscela perfetta di immagini per comunicare qualcosa che prima non c’era, una forma mai vista in precedenza, un’espressione di “creatività”, per l’appunto.

Talullah è un caso raro di artista prestata al Metaverso: ha studiato Fashion Design all’istituto d’arte e ha un suo studio personale, per quanto il suo lavoro RL si svolga in una galleria fotografica in Irlanda del Nord, nel Regno Unito.

Vi riporto la sua biografia ufficiale, e aggiungo delle immagini che dovrebbero darvi una minima anticipazione di quanto vedrete nella mostra allestita da Pyramid Cafè, e da Tanalois Art, all’isola di Solaris (http://maps.secondlife.com/secondlife/Solaris Island/22/128/2001).

Snapshot_Talullah_007

.

Biography  Talullah Winterwolf

From as far back as I remember  I have had a pencil in my hand  making pictures and stories on any kind of surface available about  the  strange  goings  on in my head 🙂 These were  always  almost like a private journal to me and I’d never thought  of exhibiting them before Second Life, even though  I was trained in Art College  in Fashion Design and had  my own studio. At the minute I’m working in photography , and and have a  small  vintage fashion  outlet.

My inspirations come from many sources, but the common thread is that all my creative works be it fashion, a photograph or a painting is that  tells a story in some form or other.
Some of the stories are deeply autobiographical,exploring dreams,childhood memories and feelings, others  could be inspired by a chance  snippet of conversation, an unintentional image caught   in a random photograph, a memory, a  line in a song or book…

I have tried to capture those feelings in the images, and in doing so have realised that the very effect of layering the images and textures  is suggestive of  the way our memories are layered on top of each other and each whole is the sum of many parts.

Snapshot_Talullah_bis_013