Archivio

Posts Tagged ‘MiC’

Un tributo ad un genio del Metaverso: Rose Borchovski

Andate a vedere, o a rivedere se l’avete già fatto, l’installazione “The Arrival” di Rose Borchovski al MiC (http://maps.secondlife.com/secondlife/MIC/204/156/40). Vi sembrerà di immergervi in uno di quei quadri di Hieronymus Bosch, il famoso pittore olandese del XV secolo. Ogni dettaglio va osservato con cura, ogni personaggio, ogni oggetto. Ognuna delle componenti dell’installazione è un contributo insostituibile alla visione dell’insieme. Persino gli oggetti più minuti, i fasci di luce, i volti, disegnano uno scenario perfetto da cui non vorreste più allontanarvi. Ogni scena vi porta ad un’altra, ogni dettaglio ad un suo predecessore. Potreste passarci ore, non vi stanchereste mai. Le immagini che ho montato non rendono certo l’idea: dovete camminarci dentro, viverla. Quando si parla di arte nel Metaverso, spesso con troppa superficialità, venite con la mente a questa opera di Rose. Capirete la differenza tra qualcosa che può definirsi arte e i pur fantasiosi manufatti che si vedono in giro per Second Life. Non è corretto fare paragoni. Molti sono gli artisti, i creativi che lavorano nel Metaverso, ognuno con passione e impegno. Ma se qualcuno dovesse chiedermi, in giro per il mondo, o in una galleria d’arte di Roma o Milano, se c’è arte nel Metaverso, gli risponderei mostrandogli queste immagini. Non credo che qualcuno sarebbe in grado di smentirmi … Un tributo a lei, a Rose Borchovski. Buona visione.

http://www.youtube.com/watch?v=1dzj0hO7Ilc

.

http://www.flickr.com/photos/aquiladellanottekondor/sets/72157633181053794/

Kuru Kuru World: Mikati Slade.

As all my friends know, I’m very critical about Metaverse’s art. Many SL resident discovered in world their artistic attitude, but very few are, for me, the ones that have really something to communicate with their realizations. And one of these few is Mikati Slade, a Japanese artist that I discovered after visited her installation in the MiC land. Thanks to my friend Mexi Lane, I received an invitation to see this very large installation. It’s something that is impossibile to descibe, it’s necessary to see it directly (http://maps.secondlife.com/secondlife/MiC/131/219/22). After this visit (I did the path many times for better get the wonderful effects), I decided to interview soon this artist. I wished to compare my own vision of her realization, with the original thinking of the artist. So, I looked for her, that was been very helpful, and here is the interview made in Sunday morning (for Italy).

[01:07:38] AquilaDellaNotte Kondor: hello Mikati

[01:07:55] AquilaDellaNotte Kondor: how are you?

[01:07:55] Mikati Slade: hello Aquila!

[01:08:01] Mikati Slade: i am good thank you!

[01:08:54] AquilaDellaNotte Kondor: what language do you prefer, english or italian?

[01:09:37] Mikati Slade: oh, honestly i want to use english, but i can use Translator also

[01:10:07] Mikati Slade: if you trouble with english, then ok in Italian language

[01:13:24] AquilaDellaNotte Kondor: English is good for me, don’t worry, maybe I’ll make some mistakes … my Englis is not perfect

[01:14:54] Mikati Slade: please switch to italian language anytimes

[01:15:15] AquilaDellaNotte Kondor: ok

[01:16:25] AquilaDellaNotte Kondor: If you agree, I should start from the beginning of your experience …. how you started as an artist in Second Life?

[01:17:33] Mikati Slade: i started to act as an artist since 2010 Burning Life (BURN2) festival in SL, with artwork “POP-ATOMIC” (http://www.flickr.com/photos/mikati/5104432760/)

[01:19:15] AquilaDellaNotte Kondor: are you an artist in RL as well? or u discovered your art here, as many artists in SL?

[01:19:21] Mikati Slade: i did not prefer art with this, but an Italian SL artist, Merlino Mayo, asked me to be an artist in Second Life

[01:20:06] Mikati Slade: i studied classical sculpture at art University, then i worked at commercial graphics field. I prefered to art but did not act as an artist in RL.

[01:21:04] Mikati Slade: i born in Tokyo , and I live in close to Tokyo, a city called Yokohama, for 20min from Tokyo, with train

[01:22:41] AquilaDellaNotte Kondor: do you think that is important to use such a platform to develop artistic manufactures? or is it just a joke?

[01:23:20] Mikati Slade: you mean, if SL is important platform for art things?

[01:23:56] AquilaDellaNotte Kondor: yes, if is really a new platfor for artistic expressions or just a game

[01:26:27] Mikati Slade: oh ok, i am thinking this is important for art, for example, this SIM “MiC (Museums of Rome Capital)” care Virtual World Art also, I respect the mind and I am thinking Virtual World will be inportant things for human civilization in the future more

[01:27:37] AquilaDellaNotte Kondor: so you trust in a future evolution of virtual worlds, not only for artists, but as a real community, have I understood well?

[01:28:28] Mikati Slade: yes exactly

[01:28:59] AquilaDellaNotte Kondor: is this the largest installation you ever made?

[01:30:54] Mikati Slade: yes this “KURU KURU WORLD” is my largest work and first one-man exhibiton. I had not expericence such huge scale so far, so i was really exciting the work and also i spent all of my energy, really creazy a lot of work I thought

[01:31:16] AquilaDellaNotte Kondor: I see, how much time did you spent for make this installation?

[01:32:01] Mikati Slade: i spent all of my time for this , for one month

[01:32:12] Mikati Slade: full-time for one month

[01:32:25] Mikati Slade: almost 24 hours online in SL

[01:32:35] AquilaDellaNotte Kondor: 24H a day? don’t you sleep?

[01:33:38] Mikati Slade: i slept, while online , i awake as much as possible, while sleep automatically, sorry for my english

[01:36:34] AquilaDellaNotte Kondor: this effort of 24H on line is possible just for short periods, not for a long time, I think

[01:37:22] Mikati Slade: oh ok, yes i sleep 3hours, then awake 8hours, then sleep 3 hours…. for one month

[01:37:29] AquilaDellaNotte Kondor: 🙂

[01:37:36] Mikati Slade: and SL is online during it

[01:37:48] AquilaDellaNotte Kondor: speaking about the installation Mikati, what does it represent for you? what do you wish to communicate with it?

[01:39:55] Mikati Slade: i am from japan, and japan is very pop country, also less-connection with western art, I was thinking this is disadvantage for artist in Japan. but the pop can have value for western art as “pop-art” ,so I thought Japan pop can be great art

[01:41:06] Mikati Slade: this is my basic concept about my art

[01:41:32] AquilaDellaNotte Kondor: and all people that has seen this opera is agree, I think

[01:42:09] AquilaDellaNotte Kondor: I’d like to ask you some impressions for each step of the path, if you agree, in the installation

[01:42:34] Mikati Slade: ok!

[01:43:11] AquilaDellaNotte Kondor: let’s go…

[01:43:22] Mikati Slade: ok

FIRST STEP

[01:43:38] AquilaDellaNotte Kondor: a long tunnel

[01:43:41] Mikati Slade: yes

[01:43:42] AquilaDellaNotte Kondor: first step

[01:43:49] AquilaDellaNotte Kondor: colours and lights, what it represents?

[01:44:23] AquilaDellaNotte Kondor: it seems the life path

[01:44:43] AquilaDellaNotte Kondor: from the born to the adult phase … I imagine by myself

[01:46:15] Mikati Slade: oh it is intersting thinking, yes i designed the path to make people feel some drama or emotional impression

[01:46:43] Mikati Slade: physical impression is what i cared this time

[01:46:45] AquilaDellaNotte Kondor: the colours are well joined I see …

[01:47:01] AquilaDellaNotte Kondor: emotional….

[01:47:42] AquilaDellaNotte Kondor: next step …

[01:47:45] Mikati Slade: ok

SECOND STEP

[01:47:58] AquilaDellaNotte Kondor: here is the second tunnel

[01:48:08] Mikati Slade: these two areas are similar as you see

[01:48:14] AquilaDellaNotte Kondor: yes

[01:48:26] AquilaDellaNotte Kondor: what do you mean as difference? why two of them?

[01:49:35] Mikati Slade: these two areas shows “develop” of the world, big consume of energy, huge structure, it  makes feel big technologies

[01:50:11] Mikati Slade: first one looks like some space station, second area looks like nuclear power plant or something

[01:50:27] Mikati Slade: both shows symbol of technology developping

[01:50:49] Mikati Slade: this is part of “develop” of this exhibition

[01:51:14] AquilaDellaNotte Kondor: the different steps are evolution of each one?

[01:51:32] AquilaDellaNotte Kondor: every step start from the previous, as I understand …

[01:52:17] AquilaDellaNotte Kondor: the first is the nature power….

[01:52:32] AquilaDellaNotte Kondor: this second one is the human power on the matter…

[01:53:28] AquilaDellaNotte Kondor: should it be a right vision?

[01:53:34] Mikati Slade: yes, i think it is very correct

[01:54:45] AquilaDellaNotte Kondor: next step

[01:54:48] Mikati Slade: ok

THIRD STEP

[01:54:58] AquilaDellaNotte Kondor: the third

[01:55:02] Mikati Slade: yes

[01:55:17] AquilaDellaNotte Kondor: this is different

[01:55:28] Mikati Slade: yes the mood changed

[01:55:34] AquilaDellaNotte Kondor: not a tunnel but a road, a large vision of the space

[01:56:30] AquilaDellaNotte Kondor: what are these objects on the road what does they represent for you?

[01:56:59] Mikati Slade: this area talk about cause and process to destruction

[01:58:01] AquilaDellaNotte Kondor: oh , the war?

[01:58:34] Mikati Slade: money exchange, taking resources, and begin the fihting and become bigger it. Low resources side try to buy things with money at the beginning

[01:59:17] AquilaDellaNotte Kondor: the colours are more dark…..

[01:59:27] Mikati Slade: but if the side have no money, then it start to try take it with fighting

[01:59:50] Mikati Slade: then each other start to fighting and become bigger

[02:00:30] AquilaDellaNotte Kondor: the human history….

[02:01:14] Mikati Slade: yes

[02:01:21] AquilaDellaNotte Kondor: next step?

[02:01:30] Mikati Slade: ok

FOURTH STEP

[02:01:43] AquilaDellaNotte Kondor: fourth step

[02:01:52] Mikati Slade: yes this is the moment of destruction

[02:01:53] AquilaDellaNotte Kondor: fantastic explosion of colours, wonderful for the eyes

[02:02:13] Mikati Slade: yes colorful and despair

[02:02:50] AquilaDellaNotte Kondor: why despair?

[02:02:55] Mikati Slade: the funny looks raise merciless of death

[02:03:35] Mikati Slade: because human used their advanced technology to make destruction finally

[02:03:45] AquilaDellaNotte Kondor: in the back side … the end of the world …

[02:04:16] Mikati Slade: yes

[02:04:24] AquilaDellaNotte Kondor: I can’t walk here, why?

[02:05:01] Mikati Slade: at this area, i did not want to put any friendly things

[02:05:40] Mikati Slade: to make feel despair

[02:05:49] AquilaDellaNotte Kondor: I see death symbols

[02:06:10] Mikati Slade: and force people to just see the building

[02:06:17] Mikati Slade: yes

[02:06:35] AquilaDellaNotte Kondor: fantastic Mikati

[02:06:44] Mikati Slade: thank you!

[02:06:51] AquilaDellaNotte Kondor: next step …

[02:06:55] Mikati Slade: ok

FIFTH STEP

[02:07:10] AquilaDellaNotte Kondor: the fifth step

[02:07:21] AquilaDellaNotte Kondor: another hole …

[02:07:26] AquilaDellaNotte Kondor: no colours

[02:07:32] Mikati Slade: yes we are in destruction part

[02:07:32] AquilaDellaNotte Kondor: only black and white

[02:07:46] Mikati Slade: yes, nothing , after destruction

[02:07:46] AquilaDellaNotte Kondor: let me understand please…

[02:08:03] Mikati Slade: all things are destroyed

[02:08:15] AquilaDellaNotte Kondor: all destroyed parts…

[02:08:40] Mikati Slade: yes, everything of here try to make feel of death

[02:08:57] AquilaDellaNotte Kondor: this installation shows a dramatic evolution path Mikati

[02:09:06] Mikati Slade: thank you very much

[02:09:23] Mikati Slade: the path already gone

[02:09:24] AquilaDellaNotte Kondor: and is not an optimistic vision so far …

[02:09:35] Mikati Slade: yes true

[02:10:05] AquilaDellaNotte Kondor: next step

[02:10:09] Mikati Slade: ok

SIXTH STEP

[02:10:18] AquilaDellaNotte Kondor: the sixth…

[02:10:32] AquilaDellaNotte Kondor: black and white again….

[02:10:39] AquilaDellaNotte Kondor: what is this?

[02:10:57] AquilaDellaNotte Kondor: I see a path….

[02:11:02] Mikati Slade: yes, we are looking at destruction parts still now

[02:11:09] Mikati Slade: but yes, there is a path we find

[02:11:26] AquilaDellaNotte Kondor: please….

[02:11:38] Mikati Slade: the path comes again now

[02:11:39] AquilaDellaNotte Kondor: let’s go on the path

[02:11:42] Mikati Slade: ok

[02:12:31] AquilaDellaNotte Kondor: the end?

[02:12:48] Mikati Slade: yes, this area talk about reproduction

[02:12:49] AquilaDellaNotte Kondor: here is your signature

[02:12:58] AquilaDellaNotte Kondor: reprodution?

[02:13:00] Mikati Slade: rebirth

[02:13:02] AquilaDellaNotte Kondor: what do you mean?

[02:13:28] Mikati Slade: this mean, new bud leale, comes and grow after any disaster and destruction

[02:13:33] Mikati Slade: strength of life

[02:13:41] AquilaDellaNotte Kondor: right….

[02:13:51] AquilaDellaNotte Kondor: is an optimistic ending …

[02:14:11] Mikati Slade: yes, but this exhbiiton named “kuru kuru world”

[02:14:20] Mikati Slade: “kuru kuru” mean rotating , cycling

[02:14:28] AquilaDellaNotte Kondor: in Japanese?

[02:14:40] Mikati Slade: yes in Japanese sound expression in word

[02:14:57] AquilaDellaNotte Kondor: so this is a human cycle….

[02:15:12] AquilaDellaNotte Kondor: born, evolution, distruption and rebirth….

[02:15:37] Mikati Slade: yes and again , it repeat evolution, destruction, and re birth … again and again

[02:16:02] AquilaDellaNotte Kondor: I see

[02:16:03] Mikati Slade: i do not say the repating is optimistic or despair both

[02:16:28] Mikati Slade: it depends how people think about it

[02:16:38] AquilaDellaNotte Kondor: maybe humans replicate the universe evolution, in his own little world …

[02:16:47] Mikati Slade: yes

[02:16:57] AquilaDellaNotte Kondor: from the big bang to the big crush … and so on, with another big bang

[02:17:23] Mikati Slade: yes

[02:17:29] Mikati Slade: life just repeat and cycle

[02:17:51] AquilaDellaNotte Kondor: let’s go out …

THE END OF THE PATH

[02:18:09] AquilaDellaNotte Kondor: all this is very interesting

[02:18:23] Mikati Slade: thank you very much Aquila

[02:18:27] AquilaDellaNotte Kondor: now I’ve understood your installation better than I did by myself

[02:18:44] Mikati Slade: oh ok i am glad

[02:18:51] AquilaDellaNotte Kondor: I thank you a lot  for your time Mikati

[02:19:09] Mikati Slade: thank you very much for spending your time for me too!

[02:19:59] AquilaDellaNotte Kondor: bye for now

[02:20:08] Mikati Slade: see you Aquila!

[02:20:08] AquilaDellaNotte Kondor: have a nice evening (for you)

[02:20:16] Mikati Slade: thank you! see you

[02:20:17] AquilaDellaNotte Kondor: see you

Categorie:Art and Culture Tag:, ,

Lezioni avanzate di Blender al MIC – Musei in Comune Roma

3 dicembre 2011 2 commenti

Da inizio novembre (cfr http://museiincomuneroma.wordpress.com/2011/11/09/second-life-corso-avanzato-di-blender-al-mic/), sono organizzati inworld delle lezioni sull’uso di Blender presso la land Musei in Comune (MIC) in SecondLife, grazie a

“Optimo Maximo (aka Alessio Donazza) che lavora in uno studio di grafica ed animazione tridimensionale in produzioni televisive, principalmente a scopo pubblicitario”

L'icona del corso

Ho partecipato alle prime 3 lezioni e per chi non ha potuto partecipare o anche per meglio chiarire alcuni concetti ho costruito alcuni tutorial e video tutorial che chiariscono alcuni dei concetti insegnati.

Per chi fosse interessato ecco i link:

Articolo riepilogativo prima lezione:

Video propedeutico per la generazione di Ambient Occlusion:

Materiali, riflessioni e trasparenza:

Scolpire i materiali con le texture

Usare il node editor per arricchire le immagini

Giovanna Cerise intervista Merlino Mayo

Grande interesse ha suscitato nel mondo artistico e non di SL l’ultima istallazione “Naturae” di Merlino Mayo (http://slurl.com/secondlife/MiC/204/155/40). Il lavoro, curato da Mexi Lane (Marina Bellini), è inserito nel progetto Imagin@rium, una rassegna di opere  individuali grazie al quale gli artisti di Second Life saranno portati al MACRO di Roma, mediante video delle installazioni proiettati su uno schermo.Piuttosto che parlare dell’opera,invitando, però,  chi non l’avesse ancora fatto di non perdersi l’occasione di andare a vederla, ho preferito fare qualche domanda all’artista.

Naturae è l’ultima tua creazione. Può essere considerata un punto d’arrivo della tua produzione artistica? E capovolgendo la prospettiva, puoi immaginarla come un punto di partenza? 
Ritengo Naturae una delle mie creazioni artistiche più importanti, un lavoro impegnativo e complesso che chiude e apre una nuova fase del mio percorso artistico, e che mi ha regalato grandi soddisfazioni, tra cui un numero di visitatori notevole nelle prime settimane, centinaia di visite inaspettate al giorno. Inoltre la sorpresa di una selezione redazionale della Linden Lab nella vetrina del sito ufficiale di Second Life.
Tenevo molto a questo mio ultimo progetto artistico e in questo caso sono stato onorato dell’invito ad esporre al MiC, l’isola dei Musei di Roma Capitale che in Second Life, attraverso la direzione artistica di Mexi Lane (Marina Bellini), rappresenta un luogo espositivo di mostre e installazioni di artisti, le cui opere vengono presentate agli utenti della rete attraverso foto e rielaborazioni video. Una cosa che non capita tutti i giorni, tra l’altro con uno scenario magnificamente realizzato dal team del MiC.

 In questo momento oltre alla grandiosa istallazione al MIC, sei presente attualmente con altre opere molto interessanti, dislocate in varie land, penso per esempio alla “Silvery factory” al PAD (http://slurl.com/secondlife/Solaris Island/33/159/285) o a “Brera Academy and Metro of Milan”  (http://slurl.com/secondlife/Imparafacile/134/106/1160) o alla tua opera a Carp Diabolus (http://slurl.com/secondlife/Benvolio/124/128/1001) e Art Kahos al Pirats (progetto non ancora terminato), solo per citarne alcune.  L’interattività, naturalmente ottenuta in modi e con scopi diversi, è senz’altro una delle caratteristiche che le accomuna. Che ruolo ha essa  nella tua produzione e cerchi sempre nuovi modi per permettere al pubblico di interagire con la tua opera? E’ qualcosa di voluto o di casuale?

Ognuno dei miei lavori mi ha regalato esperienza, soddisfazioni e nuovi contatti. Vorrei ricordare l’ultimo lavoro al Carp con alcuni dei più noti artisti di SL, all’interno di un progetto dedicato alla storia dell’Arte Cybernetica. Abbiamo creato delle installazioni all’interno della ricostruzione di un progetto sognato e mai realizzato in vita da Nicolas Schöffer, il primo artista e padre della Cyber Art nella storia del ‘900, con l’inserimento del progetto nella manifestazione patrocinata da Yoko Ono “Imagine Festival”. Poi un altro progetto presentato lo scorso dicembre alla fiera “Più Libri Più Liberi” in onda su Rai.tv, è stato con l’Accademia di Brera, ATM trasporti Milano e altri enti. La realizzazione di postazioni video interattive e sperimentali nella Metropolitana di Milano, con cui i viaggiatori potessero interagire con i lavori degli studenti accademici anche negli gli spazi virtuali di Second Life da me progettati. Un intensa attività con il gruppo Pirats, che spesso cerca di coniugare i propri eventi con quelli Real Life, come il Carnevale di Nizza con Patrick Moya e molti altri artisti.   Poi la partecipazione all’evento pilota “Through the Virtual Looking Glass” con vari gruppi di SL e gallerie in real sparse in tutto il mondo, ecc.. Citazioni esemplificative di una realtà di ricerca e sperimentazione che in Italia andrebbe aiutata e incrementata, non dimenticata e ignorata come spesso accade nel nostro Paese che, ricordiamolo, ha un’economia in trasformazione che negli anni sta progressivamente passando dalla produzione di cose alla produzione di idee. L’arte in questa prospettiva, dovrebbe avere un ruolo primario nelle politiche di sviluppo e investimento per il futuro, e per farlo bisogna anche sapersi mettere in gioco, aggiornarsi, credere nelle nuove idee e nei nuovi strumenti che dobbiamo solo imparare ad usare e riconoscere. Bryn Oh, una grande artista digitale, che ha recentemente ricevuto un premio di riconoscimento dal Governo Canadese, descrive un interessante parallelismo tra nascita e sviluppo della Fotografia e l’Arte digitale dei mondi virtuali. Ora nella mia arte, l’interattività è solo uno degli aspetti principali che m’interessa esplorare. Di solito me ne servo per studiare il principio di casualità naturale, quindi cerco di aumentare le variabili per incrementare l’imprevedibilità di un risultato scultoreo finale. Uscire, in definitiva, dal confine serrato e definito da una barriera netta e asettica per ritrovare manualità e calore umano nelle piccole imperfezioni.  L’interazione mi permette di coinvolgere il visitatore e di renderlo partecipe anche dell’aspetto creativo dell’opera stessa.
Spesso nei miei lavori esiste un’apparente simmetria che analizzata con più attenzione tale non è, perché creo volutamente oggetti che mantengono memoria dell’imperfezione umana. Le linee squadrate, nette, decise, la scomposizione della struttura in linee essenziali, diventano una griglia che scompone una immagine sfocata, sono la rappresentazione simbolica di un mondo perfetto illusorio, verso cui l’umanità tende con la tecnologia e la conoscenza. Quindi nei miei uomini vedo anche la metafora di una generazione idealmente rivestita da un materiale immaginario, uno scudo artificiale come fosse una materia plastica, un filtro che s’interpone tra la percezione di se stessi, del mondo circostante e dei propri simili.


Nella nascita e realizzazione di  un tuo progetto, in quale modo il desiderio di comunicare il messaggio che hai in mente e la sua realizzazione visiva  e artistica riescono a trovare un equilibrio? Ci riesci sempre?

Trovare un equilibrio tra idea e realizzazione pratica è difficile. La mia più grande preoccupazione sta proprio nell’ideazione di un messaggio che abbia una sua forza intrinseca, una base forte, una coerenza costante in tutte le sue parti. Il modo in cui questo contenuto possa essere realizzato è relativamente più semplice, nel momento in cui so già quali sono i miei strumenti di partenza, il mio alfabeto espressivo, le mie procedure operative definite dall’esperienza e la conoscenza approfondita del medium tecnologico. L’equilibrio va cercato anche tenendo conto di fattori pratici, come la comprensione da parte di un visitatore inesperto di un percorso esplorativo e quindi lettura dell’opera stessa. Ritengo sia importante riuscire a far arrivare un  messaggio chiaro a tutti, non solo ad una elite selezionata e preparata. Poi c’è sempre tempo per articolare diversi livelli di lettura, e profondità. E’ prima necessario disegnare un recinto per poi poterlo oltrepassare ed evolversi.

Quattro anni su SL. Quando sei entrato avevi già in mente di cimentarti in questo genere di creazione artistica? E in che modo esso può o deve essere collegato con la tua RL?

 Da subito sono rimasto incantato e quasi ipnotizzato dall’intuizione di un enorme potenziale creativo dello strumento virtuale. L’idea di avere degli spazi condivisi in tempo reale con tutto il mondo, passeggiare su un prato vettoriale, su cui poter creare una libreria rossa, vedersi passare davanti un giapponese a commentare insieme ad un australiano la forma o il colore di questo oggetto, è come ritrovarsi all’improvviso in un immenso sogno creativo condiviso, mutevole nel tempo ma anche oggettivo, in quanto continua a vivere e trasformarsi sempre senza sosta. Molti non comprendono che un mondo condiviso, costantemente creato e modificato dai suoi residenti, è un meccanismo estremamente potente, complesso e sofisticato un sistema di comunicazione orizzontale e non più verticale come nei vecchi media: radio, televisione, cinema, un mezzo che non ha nulla a che vedere con un social network bidimensionale piatto e semplificato come FaceBook o Twitter. Oppure con i videogiochi che sono caratterizzati da ambienti anzi creati e già stabiliti dai produttori a tavolino, infine niente in comune con i programmi di grafica professionali 3d che sono strumenti potentissimi, ma in mondi chiusi e blindati.
Lo  sviluppo futuro della realtà virtuale sarà sempre più connesso alla vita reale, con la “realtà aumentata”. Esistono dei nessi tra le due realtà, che mi permettono di dare un senso a questo percorso, ed é importante dare una tangibilità reale al mondo delle idee, non solo condividendole ma anche cercando una memoria oggettiva, un segno permanente di un percorso evolutivo personale.

Quali sono le opportunità che secondo te SL dà a chi vuole creare. E quali, invece, i limiti?

 Second Life è un mezzo non un fine. Dopo il boom del 2007, c’è stata una crisi e una fuga di professionisti, di imprese e di attenzione mediatica. Ma è una fase di crisi estremamente interessante e ricca di opportunità per diversi motivi. In primo luogo è avvenuto un processo di distillazione delle prime generazioni di utenti esperti, che contrariamente a tutti gli articoli di previsioni catastrofiche, sono rimasti estremamente attivi, aiutando a consolidare una realtà fatta di sperimentazione, di progetti, gruppi di lavoro e molto altro.
La comunità degli artisti è stata il vero zoccolo duro che ha resistito alla crisi, che nonostante lo scarso aiuto delle politiche gestionali ha aiutato a mantenere un’immagine di alto profilo e grande visibilità e interesse per i neofiti e i media. Consiglio tutti i creativi, gli studenti universitari, i ricercatori di entrare a dare un’occhiata di persona e di esplorare gli eventi più o meno importanti, organizzati da singoli artisti, da università, o gruppi molto attivi di galleristi-artisti, di chiedere e parlare prima di farsi un idea preconcetta. E’ un mondo che si muove, dove è impossibile seguire tutto o vedere tutto ed è anche difficile imparare ad osservarlo ed esplorarlo seriamente; comprendere i meccanismi e gli attori che ne fanno parte, senza fermarsi a qualche giorno di prova. Molti articoli usciti negli ultimi anni sono stati scritti spesso da giornalisti distratti che conoscevano poco queste realtà o, peggio solo per sentito dire.
Esiste quindi la possibilità d’incontrare e frequentare delle menti brillanti, parlo di professionisti, ricercatori e artisti, spesso coraggiosi intellettuali capaci di dare impulso vitale alla crescita di una complessa e articolata comunità virtuale, molto attiva.

Merlino Mayo e Xaan Allen. Vantaggi e limiti di avere due avatar chiaramente riconducibili allo stesso artista.

Creare un secondo avatar è stata una scelta sperimentale, sia esplorativa che di necessità quasi ovvia.  Inizialmente mi resi conto che le mie creazioni potevano andare perse. All’epoca il mio mondo era la sandbox pubblica e non facevo che sperimentare, creare e imparare a scolpire; meccanismi, script rudimentali, ecc. a cui tenevo moltissimo, perchè erano ore ed ore di apprendimento e ispirazione. L’inventario era il mio diario personale, la mia vera identità che, a quanto si sentiva dire, correva sempre il rischio di andare persa per i più svariati motivi tecnici. Da qui la necessità di creare un backup, e quindi l’idea di creare un altro avatar, con una nuova identità non corrispondente a quella reale, nè con la mia identità sessuale. Per me Xaan Allen era un esperimento, era la mia Valentina Rosselli (G. Crepax), la mia icona e musa ispiratrice femminile, che nasceva come modello di creta per imparare a plasmare, disegnare e non per interpretare un ruolo. C’è chi vede nell’avatar una perfetta immagine di se stesso, chi vuole interpretare dei ruoli in modo teatrale e chi ci vede un semplice strumento estetico creativo, così come si crea un dipinto, un disegno o una foto di ciò che sta al di fuori di te. Inoltre ho trovato interessante cercare un’azione provocatoria sul tema dell’identità, per risvegliare le coscienze ad un uso più consapevole dello strumento avatar e per non cadere nella trappola dell’immedesimazione. La differenza tra i comuni doppi avatar, e il mio modello d’uso, sta proprio nel fatto che ho deciso non solo di palesare le due identità unendole e dichiarandole pubblicamente sul mio blog ufficiale o nei rispettivi profili, ma anche coniando un termine nuovo “Avatar Simbionte”. Ho quindi utilizzato Xaan come aiuto costante per Merlino e viceversa.

Alberto Bevilacqua in Second Life

Il prossimo 13 di gennaio uno dei più famosi scrittori italiani, Alberto Bevilacqua, presenterà presso l’isola MiC, il meridiano Mondadori a lui dedicato, dal titolo “Romanzi”. E’ un’occasione imperdibile per confrontarsi con lo scrittore sui temi a lui cari e sulla sua produzione, ma anche per stimolarlo ad un confronto sul senso di una presenza tanto prestigiosa in un ambiente sicuramente “diverso” da tutti quelli da lui utilizzati in precedenza . Speriamo solo che ci sia lo spazio per farlo, vista la grande affluenza che una presenza del genere sicuramente provocherà (http://maps.secondlife.com/secondlife/MiC/198/175/37).