Archivio

Archive for 28 ottobre 2012

Second Life Fashion: questa sconosciuta

by Melusina Parkin

.

Lavoro nella moda di Second Life da quasi quattro anni. E’ facile immaginare la mia sorpresa quando, di recente, parlando con degli amici e raccontando di sfilate, Fashion Weeks, marchi, eventi, agenzie e accademie di modelle mi sono sentita dire: non ne sappiamo nulla di queste cose! Riflettendo su questa inaspettata risposta, mi sono convinta che per la maggior parte dei residenti di Second Life, anche per coloro che acquistano regolarmente dei bei vestiti, delle scarpe, dei capelli o delle skin, l’enorme e complesso meccanismo che è il mondo della moda di SL rimane una nebulosa sconosciuta.  Da qui l’idea di una serie di articoli su questo tema, che facciano luce su tutto ciò che sta dietro e attorno al vestito che colpisce e diventa oggetto di desiderio.

Una serie di articoli perchè si tratta, appunto, di un meccanismo complesso, esteso e molteplice, sia dal punto di vista della tecnica, che da quello dello stile o dell’organizzazione. Sarà quindi necessario distinguere diversi ambiti, tutti sovrapposti o convergenti nel definire quel fenomeno onnipresente che è la moda in Second Life.

Dovremo innanzitutto occuparci di designer e di marchi: quali sono emersi e quali scomparsi, come agiscono sul mercato, come si collocano nel panorama complessivo della moda commerciale o di qualità, se le caratteristiche culturali e nazionali pesano o meno sul modo di fare moda, e, naturalmente dei diversi stili che propongono, dal classico al casual, all’avantgarde al vintage. Un panorama infinito, la cui osservazione svela un universo coloratissimo, fantasioso, con radici in conoscenze profonde del design e dell’arte e un costante riferimento al trend della moda RL.

Indagheremo poi sulla presentazione degli abiti: dall’esposizione nei negozi alla pubblicità, alle forme di comunicazione.

Parleremo quindi di building e di arredamento, di riviste specializzate, di pubblicità, di tecniche di vendita come campagne di lancio, offerte e sconti. Ma anche di grandi Mall e SIM di moda e di shopping, di reseller e di reti di negozi monomarca. E per finire con questo aspetto, di eventi, di fiere periodiche, di spettacoli.

Il mondo delle modelle e delle agenzie sarà poi una tappa fondamentale: a loro spetta il compito di presentare al pubblico i vestiti in sfilate o sulla stampa. Print e runway models, free lance o organizzate in agenzie, sono le protagoniste di eventi che coinvolgono a loro volta builders per i set e le passerelle – spesso vere opere d’arte – fotografi, registi, esperti/e di hosting e scripter per presentare i vestiti in sfilata, DJ per l’intrattenimento…

Il mestiere di modella, poi, richiede una lunga formazione, dunque le agenzie sono spesso anche Accademie che rilasciano titoli professionali dopo duri e difficili corsi, come d’altronde sono pure produttrici di eventi.

Ovviamente la moda, come proprio le modelle sanno bene, non è solo vestiti: lo styling, indispensabile per la presentazione adeguata degli abiti, e del quale sono esse stesse specialiste, significa entrare nel mondo delle skin, dei make up, delle acconciature, delle pose, degli accessori e dei gioielli e delle calzature. Uno sguardo a questo mondo, anche se il nostro centro restano gli abiti, sarà dunque indispensabile per avvicinarci a completare il quadro della moda di SL.

Un’ultima tappa non può essere che la tecnica: la recente introduzione delle mesh si è affiancata alla tradizionale confezione degli abiti con componenti base (system) ed elementi sculpted. Diversi creatori stanno spesso dietro l’abito finito: produttori di template e modelli sculpt o mesh forniscono a molte designer gli elementi grezzi necessari per la creazione di un abito finito. Poi interviene la creatività delle e dei designer…

Essere consapevoli che dietro ognuno delle centinaia di capi che conserviamo nel nostro inventario e che indossiamo con piacere, con vanità  e con orgoglio sta tutto questo, un intero mondo affollato di competenze, abilità, impegno spesso di altissimo livello non può che farci amare ancora di più i capi che vediamo esposti nei bei negozi delle SIM di moda e che diventano oggetto del nostro desiderio. Sapere che l’acquisto di un capo raffinato e tecnicamente perfetto è solo l’ultimo atto di una storia che ha coinvolto la passione e l’abilità di tante persone, ha generato tanto lavoro, ha rallegrato il nostro tempo di Second Life con bei pomeriggi di shopping o con belle serate di eventi spettacolari può servire a dare un senso al nostro gusto e alla nostra stessa vanità. Che più che un peccato, diventa allora il motore di un bel pezzo di questo affascinante mondo virtuale.

Categorie:Fashion Tag:, ,

Editoria senza confini: l’eBook Festival.

.

Si è chiuso ieri al Palafiori di Sanremo l”Ebook Festival”( http://www.ebookfest.it/), organizzato da “Multimedia Tre” e da un comitato scientifico (Bibienne, Guaraldi editore, Giulio Blasi, Area51, Quintadicopertina, eBookReaderitalia.com), in collaborazione con il comune di Sanremo. Obiettivo della manifestazione è stato quello di illustrare, agli operatori del settore e al pubblico, i più recenti progressi in questo settore, e dare una visibilità complessiva delle possibili applicazioni, in particolare nel campo dell’editoria e dell’education. Una manifestazione di grande interesse, in cui sono entrati, a pieno diritto, gli amici di Imparafacile e Italian Mood (http://imparafacile.ning.com/profiles/blogs/libriamo-tutti-con-italian-mood-all-ebookfest-di-sanremo, http://blog.italianmood.net/), presenti in tutte e tre le giornate con incontri, dibattiti e la presentazione delle esperienze più innovative realizzate in Second Life da questi due gruppi, a cominciare dagli incontri, ormai classici, di “Libriamo Tutti” (http://www.imparafacile.it/). A coordinare gli sforzi del nutrito team, reale e virtuale, Marjorie Fargis e Imparafacile Runo (http://lnx.whipart.it/news/8890/ebookfest-imparafacile-italianmood-libriamotutti1.html). Nei link (in particolare nel blog di Annalisa Cameli, con un dettagliato resoconto, e nel ning di Imparafacile) troverete tutte le informazioni e le immagini relative a questo evento, che ha evidenziato la notevole capacità organizzativa, e di diffusione delle applicazioni in Second Life, messe in campo da questi gruppi di amici, a partire dai due su nominati, instancabili, protagonisti della scena virtuale italiana. Particolare degno di attenzione è stato l’ingresso in Second Life, per l’occasione, di alcuni dei protagonisti del festival, intervistati in world, aiutati nei primi passi virtuali da un gruppo di Mentors italiani.

Eventi di questo tipo non si improvvisano, sono il frutto del lavoro, e dell’esperienza, di alcuni anni (quasi cinque), accumulati, settimana dopo settimana, nel proporre progetti di notevole contenuto professionale, faticosamente portati avanti in un ambiente difficile. Un ambiente in cui costa molto sforzo sviluppare progetti di questo tipo, sia per i limitati strumenti tecnologici a disposizione (interfacce e applicazioni ancora non completamente mature e affidabili) sia per il carattere “culturale” che identifica tali iniziative, in un mondo virtuale il più delle volte dedicato allo svago e al limitato impegno sociale. Tuttavia, gli amici di Imparafacile e Italian Mood hanno dimostrato da sempre che la capacità “professionale”, e l’impegno costante, pagano, anche nel Metaverso. Così come pagano anche quelle messe in campo da numerosi altri protagonisti della Second Life Italiana: artisti, galleristi, bloggers, progettisti e builders, uomini e donne di cultura, e di grande capacità e impegno, che tutti conoscono ed è superfluo nominare uno per uno.

La diffusione della cultura è uno dei motori più potenti di quello che sarà lo sviluppo verso il futuro del Metaverso: diffondere informazioni, spiegare le modalità di utilizzo di nuove applicazioni, fornire orientamento nell’affrontare il cambiamento dato dalle nuove tecnologie (come nel caso dell’editoria), promuovere una condivisione delle analisi, e degli approcci culturali, aiuta moltissimo nel dimostrare l’efficacia di un utilizzo “professionale” dei Mondi Virtuali. Questo non vuol dire che il Metaverso non possa anche essere un luogo di svago e, spesso, di trasgressione, ma mette dei paletti oggettivi, rispetto all’immagine superficiale e spesso denigratoria, che si da dei Mondi Virtuali sulla stampa e sui media tradizionali, anch’essi, comunque, in profonda trasformazione.

Abbiamo sempre pensato che l’idea di immaginare un Mondo Virtuale asettico, e moralmente inattaccabile, sia pura follia. Nel Metaverso convivono diverse tendenze, culture, provenienze, e ognuno trova la sua strada, e il proprio modo di vivere qualche ora di svago, o di condivisione culturale, senza problemi per gli altri e senza, necessariamente, dare “scandalo”. E’ sempre, e solo, questione di gusti e di interessi personali.

Le applicazioni professionali e culturali sono, al di là di ogni dubbio, un modo molto efficace di creare il bridge tra il Metaverso ed il mondo della vita quotidiana. Il ricambio generazionale nel Metaverso, e l’apporto di nuove energie e di nuove idee, nasce necessariamente da una ripresa di interesse per le possibilità offerte dai Mondi Virtuali tra quanti possono usare queste piattaforme non solo per svago, cosa del tutto legittima, ma anche per usi concreti e “pratici”. Il mondo della cultura e delle professioni ricaverebbe grande vantaggio dallo sfruttamento di questo potente mezzo di condivisione. Pensare di sviluppare business usando Second Life, ve lo assicuro, è ancora prematuro e velleitario, ma lo sviluppo della cultura e degli strumenti di formazione, delle capacità inventive ed artistiche, dei momenti di socializzazione e di condivisione di idee e contenuti, è un qualcosa che già adesso consente di dimostrare ampiamente l’efficacia dei Mondi Virtuali come elemento di partecipazione e di sviluppo culturale.

Non è solo un’auspicio, è un fatto oggettivo, come dimostrano ampiamente gli eventi legati all’eBook Festival e i risultati ottenuti da questi gruppi di amici che abbiamo descritto. In fondo, da ogni tunnel prima o poi si esce, basta vedere la direzione da cui filtra la luce …