Home > Art and Culture > Flop Art

Flop Art

By Eva Auerman

.

Digital Beauties è un volume edito da Taschen (in inglese, francese e tedesco, ISBN 978-3-8228-1628-8) così presentato: “The first book in our groundbreaking new series on digital culture focuses on beauty and cutting-edge computer-generated female characters.

http://www.taschen.com/pages/en/catalogue/design/all/02984/facts.digital_beauties.htm

Una prima riflessione mi porta a pensare che ciò che noi facciamo in Second Life è, da un tempo ben precedente i nostri discorsi, considerato come attività artistica. Con il di più che le nostre creazioni non solo generano immagini, ma queste possono interagire tra di loro e con l’ambiente in una serie, piuttosto ampia, di attività.

Tra queste attività vi è quella di fruire di “arte”, come pubblico di un museo o come chi ascolta un concerto e pertanto mi viene subito un dubbio: gli avatar possono essere considerati pubblico nel senso classico del termine? A mio parere no, essi non potranno mai essere un pubblico così come comunemente è inteso. Ciò contribuisce solo a confondere questioni del tipo “il mio è un avatar vero” “il mio è quasi vero” “il mio è completamente stravolto” “il mio è come Scooby-Doo perché mi piace così” “il mio è un uomo…” “il mio è una donna…”

Credetemi, quando apprendo soprattutto queste ultime due “informazioni”, dentro di me rimbomba sempre la domanda: “Un uomo? Una donna?… Ma che dice?” Voglio subito specificare che so benissimo chi e cosa sono un uomo e una donna, pertanto, non credo sia sufficiente una fattezza maschile per fare un “uomo” così come ho la speculare convinzione che non sia sufficiente un avatar femminile per fare “una donna”. E ciò a prescindere che “dietro” l’avatar ci sia un maschietto o una femminuccia. Per questo sostengo che non ci sono questioni né di voice, né di cam, né di dati olfattivi evocati, il più delle volte, a sproposito.

Giustamente noi spendiamo parole in proposito ma un avatar, umano o non umano, è da tempo classificato una creazione artistica, il cui campo di indagine può infatti spaziare dall’intrattenimento alla realtà e spingersi a sondare il mistero. Ora, se l’intrattenimento è relativamente facile da configurare, già la realtà è più difficile inquadrarla nei suoi infiniti rivoli. Ma se le premesse sono confuse da discorsi sviati da pseudo questioni di identità e assortita etica consumistica d’intorno, il mistero è precluso in partenza all’esperienza. Aggiungo che non giova, alla chiarezza di idee, se -sottolineo se– dell’arte se ne fa una questione meramente espositiva, fornendo oltretutto ragioni all’intendere SL come luogo dove si vive soprattutto l’ansia di dire chi si è con tanto di nome e cognome, indirizzo e targa della propria auto. In questo caso si creano solo occasioni per avatar gironzolanti tra occupazioni variamente altre che la mia fantasia non basta ad immaginarle tutte.

Cosa intendo per mistero? Intendo il fatto che se per esempio tra due persone vi è “amore”, significa che queste persone accettano il loro reciproco mistero consistente in quello che si farà anche da soli nell’ambito della coppia, in relazione agli eventi che il futuro può comportare e che, per molti motivi, costituiscono un qualcosa di insondabile. Poi, certo, anche il passato contiene una sua insondabilità e questo lo racconta soprattutto il web, che è fitto di racconti di “passati”, altrettanto fittamente commentati.

Non vi è mai capitato di apprendere di amori naufragati perché un qualcosa, foss’anche una percezione, nel futuro materializzato in un presente, è inaspettata? A me è capitato e credo che, in quel caso, di amore non si trattava. Ecco perché dalla delusione si guarisce: perché la nostra elaborazione  prima o poi ci porta a capire che si trattava di altro. Convenienza, feticismo, libido, narcisismo, controllo, invidia, gelosia, sadismo, masochismo e tante altre belle cose che siamo stranamente sempre convinti riguardino solo gli altri. O, peggio, i “perdenti”.

Cosa c’entra l’arte con tutto ciò? Centra perché ciò che non sappiamo vedere è l’arte che ha il compito di mostrarcelo, allargando la nostra capacità percettiva tramite “produzioni”. Ma negli attuali tempi ,quando ci scandalizziamo per tutto e dove “rivoluzionario” è indotto significhi paradossalmente affermare l’essere conformi. Come dobbiamo comportarci per allargare la capacità percettiva?

Oh, comprendo, dobbiamo tutelare il semplice che da tutto ciò è confuso. Sono certa che questa “tutela” è in genere solo funzionale al conformismo e, oggi, certamente prodigherebbe a banalizzare messaggi sferzanti come per esempio “L’origine del mondo” di Courbet, dipinto esposto nientemeno che al Museo D’Orsay al quale non mi stupirei se qualcuno troverebbe rivoluzionario “trasgredire” cercando di affermare che l’unica cosa comprensibile è la rappresentazione a colori della grisaglia che amiamo svisceratamente grazie all’educazione sentimentale tipica della nostra epoca che ci rende capaci di immaginare solo burocrazia.

http://www.musee-orsay.fr/it/eventi/mostre/archivi/archivi/browse/15/article/lorigine-du-monde-autour-dun-chef-doeuvre-de-courbet-6775.html?tx_ttnews[backPid]=252&cHash=d6486a38ae

Vedere qualcosa di simbolicamente altrettanto potente (che il gusto estetico avvezzo al porno può trovare difficile classificare in modo altro), nelle proposte che si fregiano della qualità artistica su SL, è pertanto impensabile. L’arte in SL dev’essere definita “seria” senza timore che così facendo si ricopre il discorso di un’indelebile patina di ridicolo che è percettibile anche se la definizione è espressa nelle segrete stanze. Avviene invece qualcosa di similmente efficace all’opera del XIX secolo nelle situazioni create da avatar senza nessuna dichiarata pretesa artistica, a volte inconsapevoli di proporre tematiche decisamente inquietanti.

La parola inquietante è per me una specie di garanzia che l’indagine si addentra nell’ attuale: non è forse inquietante l’alienazione subita dal lavoro intellettuale al cospetto dell’organizzazione imposta per renderlo funzionale alle macchine? Non è inquietante che la società si muova all’unisono, stimolata da problematiche iniettate da informazioni accordate, in senso musicale, a precisi modelli narrativi che avvolgono realtà e sogno di derivazione pubblicitaria? Non è inquietante che ci hanno resi spettatori di tutto, peraltro  incapaci di distinguere la claque? Non è inquietante che le nostre energie si spendono per identificare metodi di “content marketing” e similari? Non è inquietante che pretendiamo lecito solo ridurre l’opinione ai “mi piace”, “non mi piace più”, “mi associo/dissocio”? Non è inquietante che esista una realtà rispetto alla quale Gillo Dorfles si esprime così:

Quando assisto alla facilità vertiginosa con cui degli adolescenti, anzi dei bambini, si impadroniscono di nuovi gadget, della maestria con cui manovrano i tasti, i pulsanti, deputati alle più complesse operazioni, mi chiedo fino a che punto questa immane espansione delle conoscenze segnaletiche e informative vada a scapito dei faticosi sentieri della memoria e di quelli – un tempo beati – della fantasia creatrice.

Quello che aggiungo io è che reagire solo a segnali e informazioni non è un problema solo dei ragazzi, semmai è più ampio e si persegue pure con ostinazione, nella speranza che i criceti dentro il plastico siano sempre altri: anche questo, secondo me, fa parte del mistero di cui parlavo in precedenza.

Tutto ciò detto, adesso, pensando a come noi chiediamo alla politica una via d’uscita da tutto, commento che questa richiesta è in certi casi decisamente erronea, perché impossibile per questioni di competenza. In errore ci inducono molti fattori, compresa un arte didascalica, scolastica e schematizzata quale si vuole fortemente ridurre la nostra capacità creativa elettronica che ci si ostina ad ignorare come tale rispetto a discorsi di aderenza alla realtà fondati sullo sventolare repertori tratti maliziosamente dalla letteratura della concorrenzialità.

E’ parallelamente inutile discutere sul come la vita vera avverrebbe nelle “piazze”. Lì, oggi, si passa soltanto con un cellulare attaccato ad un orecchio che, come sa bene chi stila il codice della strada, rende traslati altrove e soggetti solo a collisioni alle quali si reagisce di malomodo. Nei casi migliori si tratta, analogamente agli avatars, di individui indaffarati in tutto piuttosto che essere lì. Reale è solo conformarsi più velocemente possibile, con comunicazioni pretese immediate, a decisioni di un élite di figure indistinte ma qualificate, rinchiuse in studi e uffici. Immaginare quegli spazi pervasi di rarefazione sexy è interessante: prova la realtà di tutto ciò che, appunto, riguardando l’umano, è infatti lecito esplorare con tutti i sensi. Inevitabilmente compreso quello artistico.

Chiudo proponendo due dubbi: il ricambio generazionale apporterà fantasia creatrice a tutto ciò? Quale arte descrive e dove avviene la catarsi della fantasia creatrice del (naturale) ricambio generazionale?

Advertisements
  1. Ruvi
    28 luglio 2012 alle 19:53

    Chiarissimo. L’attore Mark Hamill, che nella carriera ha fatto solo quello, è davvero convinto di essere Luke Skywalker 🙂
    Ciao e grazie.

  2. Ruvi Sagittaria
    27 luglio 2012 alle 15:47

    Non posso che riflettere sullo spazio pervaso da “rarefazione sexy” nel quale, in barba all’etica del lavoro schiavistico imposto da questa super multinazionale, perdo del tempo ad osservare la piazza sottostante, rileggendo piu’ volte il tuo post.
    Penso al mio corpo reclinato sulla poltrona girevole dell’ufficio, ma lo penso come se fosse un avatar di SL, vedendolo a debita distanza, come se avessi una cam sopra questo immenso edificio libera di girare e insinuarsi tra le vetrate e le stanze. Alla nuova generazione abbiamo propinato tanta di quella tecnologia che spesso mi chiedo quale diavolo sia l’ultimo prodotto uscito. Per ricordarmelo devo esaminare le clip degli ultimi spot pubblicitari che abbiamo passato alle tv generaliste nazionali. Le guardo e mi dico: “Bullishit!”.
    In SL avevo un avatar che ora non ho piu’. Rivelava aspetti del tutto insoliti da “Origine del mondo”, pur comportandosi in modo distaccato. Alla luce di quanto leggo in questo lucido post, puo’ darsi che cercassi una forma creativa.
    Ora Eva, ti chiedo… Se siamo arte e comunicazione, se i nostri avatar hanno questa potenzialita’, e’ corretto pensare che per esprimermi in SL debba trovare il coraggio di staccarmi dall’io reale che pretendo sempre di avere, posto che esista un io? Ma se dono psiche ed energie al mio avatar, vivendo delle ore in SL come “altro da me”, non c’e’ il rischio che mi lasci travolgere da una sorta di dissociazione tra virtuale e reale? Se questa mia alterita’ provasse per un altro avatar sentimenti di affinita’ tali da desiderarne la vicinanza, come dovrei vivere una tale “anomalia”, senza banalizzarla (tutti quei “ti amo” in SL…) o estremizzarla sfogando le pulsioni peggiori (quello che definisci controllo, masochismo, gelosia etc…)?
    -Ruvi-

    • Eva
      28 luglio 2012 alle 16:47

      Le architetture comunicano con quella parte di noi che è l’orientarsi nello spazio circostante e, anche tramite i complementi d’arredamento, infondono in noi sensazioni che l’architetto vuole condizionare, mentre gli apparecchi tecnologici ci forniscono link verso altre realtà: il semplice chiamare al cell, da uno spazio condiviso, una persona con cui condividiamo determinati aspetti intimi delle nostra vita, crea una piccola alterazione del nostro stato.

      Voglio dire sempre si ha a che fare con piccole scissioni o sollecitazioni della percezione: se entro in una chiesa posso “sentire” la solennità del luogo, ma se ci ragiono è perché essa possiede determinate caratteristiche architettoniche che sono in base ad una scienza perfettamente mirata e che funzionava perfettamente ai tempi della vita agricola. Non per niente, oggi, pensare a quello che motivava ad andare in chiesa -non mi si dica che questo NON avveniva sulla base di sensazioni architettoniche- mi fa venir voglia di chiamare quelli che importano le nuove vernici acriliche superpigmentate… Giusto per non trascurare chi è importante, da religiosa aggiungo che è impossibile che in tutto ciò non vi sia Dio, ma è, evidentemente, un altro discorso.

      E’ noto che tale scienza, essendo tale, è possibile studiarla e pertanto, oggi, entrare in una concessionaria di auto di lusso o in una banca, genera sensazioni dello stesso tipo di quelle che una volta si provavano solo entrando nel tempio. Sono tutti diventati furbi, insomma.

      Ma tutto ciò è per dire che quando parliamo di vita virtuale, ho notato che si propone alternativa ad essa una naturalità che si vagheggia ma che di fatto non esiste, in quanto il nostro status esistenziale è sempre -in qualche modo- scisso, sempre assolutamente permeato di comunicazioni date appunto da strumenti tecnologici e da architetture, anche abitative che rendono queste scissioni assolutamente naturali.

      E’ per me evidente che può proporsi, a terapia, l’esercizio Zen di contemplare un albero che, con le sue proporzioni naturali, che posso chiamare geometrie (per quanto frattali) comunica a noi un qualcosa di primordiale che riesce a riequilibrarci. Ma se cerco la naturalezza nei gesti antichi sto cercando una chimera: i gesti antichi sono solo fitti di “meccanismi” vintage. Per questo sono più facili da studiare e, infatti, sono argomenti ghiotti in SL.

      SL non è un luogo dove avviene una scissione che altrimenti sarebbe scongiurata, SL è il luogo dove questa scissione diventa evidente e pertanto si presentano in breve due strade: o quella che conduce a un baratro (leggi: ponte in costruzione), o vieni a patti con essa (leggi: strada piena di cantieri ma che comunque arriva da qualche parte).

      Per intraprendere quanto nell’ambito della seconda ipotesi occorre quindi conoscere di cosa si tratta la scissione (cantieri segnalati) e cominciare a giocare con essa (ehi gente facciamo un gioco: chi vede prima il segnale lavori in corso?). Non mancano i personaggi che nell’ambito del giocare si comportano come quando costruivamo la capanna degli indiani con le frasche: giusto per non fare un c…, pardon, un tubo, s’inventavano di essere allergici alle frasche per poi ripresentarsi, guariti, a capanna fatta. A quel punto gli si diceva: “voi no” e quelli s’incazzavano e se erano più d’uno diventavano presto una banda avversaria.

      Metafore a parte, è evidente che un “ti amo”, detto in queste condizioni, è differente da quello che si pronuncerebbe dopo aver contemplato, assieme, un bell’esemplare di Ginkgo Biloba… nel senso che in ambito virtuale questa affermazione ha altre implicazioni sicuramente differenti da quelle che avrebbe in una realtà non scissa. Io penso che chi è razionale saprà trovare la sua strada. Il problema è chi fonda il suo rapporto su suggestioni che non vuole ammettere o che cela, cioè in qualche modo “drogate” da argomenti che non sa circoscrivere, volontariamente o involontariamente che sia.

      E’ utile ricordare ciò che implica la scienza, o capacità, narrativa, attorno a tutto ciò. Ovvero la capacità di scindersi di chi inventa storie, che implica l’abilità di saper osservare le scene con gli occhi dei diversi personaggi. Dico, a corollario, che altrettanta capacità di scindersi la hanno le prostitute che però, ad essa, difficilmente sopravvivono e, se si, difficilmente sono integre (in senso psichiatricamente tecnico). Si dice che esse “prendono per il culo”… ahimè, è ben altro…

      Insomma, in tutto ciò, non vi è nulla di nuovo, tranne lo strumento che permette, diffusamente, di affrontare questo “lavoro”. Poi che ci sia chi preferirebbe un umanità che vive meno “lucida”, quello è un altro discorso che alcuni vorrebbero imparentare con quella che io chiamo la “speranza dei sondaggisti”: cioè che alle tue domande gli altri rispondano come in preda ad una attacco di miopia prospettiva e di irresistibile voglia di confessare cha assale chi è addestrato nell’ambito del timore di nostrosignore-suo-amico-e-datore-di-lavoro. Infatti i sondaggisti si sono fatti furbi ed evincono che lo amano tramite l’incrocio di una serie di dati. Fanno palestra nel web, mi sa.

      Spero, nell’ambito del mio “work in progress”, di essere stata abbastanza esaustiva. Hai altre domande banali da propormi?
      😎
      Ti anticipo: non esiste domanda che non abbia risposta… poi se la risposta è no, vuol dire che stai parlando con una persona “conservatrice”. (Come sono buona).

      Ah, dimenticavo: di chi pensa ci sia un identificazione “totale” con l’avatar, penso sia alienato/a in esso. Faccio un paragone: gli attori (o le persone famose), quando di tutto ciò si sapeva molto di meno, si alienavano in una loro fotografia, cioè quando vedevano una loro foto dicevano: quella sono io. Sbagliato. La risposta era: quella sono io in condizioni molto particolari dove ho messo un braccio così, perché… bla bla bla. Ma ci preferiscono come Marylin: ce lo dicono un giorno sì ed uno no. Chissà perché?

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: