Home > Music > L’italiano più americano che abbiamo: Eddie Santillo

L’italiano più americano che abbiamo: Eddie Santillo


Ma quasi quasi, dovrei dire che è stato Eddie a farci conoscere Second Life (è qui dal  Luglio 2007) ma soprattutto, a tanti di noi,  ha fatto conoscere  la buona musica di Second Life. Fino ad oggi, i miei articoli sono stati l’espressione di un mio colpo di fulmine per tale o tale altro cantante, questo articolo invece, sarà l’espressione di un cantante che conosce benissimo la musica  sia in Real Life che in Second Life. Lo so che siete curiosi di leggere il seguito, allora andiamo avanti…

Eddie conosce il fatto suo, e non ha paura di dire alto e chiaro quello che pensa della musica che ogni giorno le land, e i musicisti, ci servono per il dopo cena, o prima della cena, o nel pomeriggio, o anche, come fa lui,  la mattina e la notte.  E anche se sono sicura che tutti hanno sentito parlato di lui, un briciolo di presentazione è sempre utile. Eddie ha 42 anni, vive a Milano, è figlio di genitori entrambi musicisti, scrive, compone ed interpreta i suoi brani in RL da più di 20 anni. Sempre in  RL, ha collaborato con il Zelig Tour, col safari Park, e ha vinto diversi premi che poi lo hanno portato anche a suonare con Rosario Rannisi (ex concorrente del Grande Fratello e vincitore della Fattoria-3. Sentirete sempre Eddie cantare rock, blues, swing, italiano ma anche brani inediti. Insomma, EddieGuitardagger fa parte dei grandi musicisti che Second Life ci propone.  Dovete sapere che quando conobbi Eddie, gli chiesi chi avrebbe buttato giù dalla torre. E lui mi rispose: io non butto giù nessuno, li lascio scannarsi a vicenda (ancora adesso, scrivendo la battuta, mi viene da ridere).  Questo è Eddie, schietto e pungente, ma sempre sincero! Poi parlammo della musica in genere, che si ascolta in Second Life, ed è a quel punto che mi parlò delle famose “marchette “, come si suole indicare certe prestazioni professionali interessate, anche in SL.

E voi direte: “ ’a Francè, ma siamo sicuri che parliamo di musica”? Ebbene si amici, stiamo proprio parlando di musica ed ecco la definizione Eddiesantilliana della parola marchette: trattasi di tutte quelle canzoni che sei costretto a suonare per poter lavorare nei locali RL, ma anche nella maggior parte delle land italiane. Eddie infatti mi ha spiegato, che per poter cantare in tanti locali in RL se non canti i più famosi cover, magari con qualche tua canzone originale, ebbene, non duri. E quando nel 2007 sbarco in SL, capì che qui c’era un’apertura mentale che non esisteva in RL, e che qui non solo avrebbe  potuto far scoprire i suoi inediti ma  c’era anche la possibilità di esprimere al 100% la sua vera natura artistica.

E cosi, iniziò a cantare le sue canzoni originali italiane nelle land straniere, e fu molto apprezzato. E quando gli chiesi ma come mai canti cosi poco nelle land italiane, la sua risposta me l’aspettavo : “io canto sopratutto all’estero perchè mi rifiuto di fare marchette come tutti gli altri “(altra mia risata). Dunque, mi spiegò che le land italiane purtroppo hanno paura di prendere rischi e preferiscono fare cantare gli interpreti di quelle canzoni che tu ascolti continuamente, andando di land in land, e che si sentono pure in radio o in tivù. Sempre gli stessi interpreti, che cantano sempre gli stessi brani (Modà, Vasco, Ligabue, etc …). Gli owner si assicurano così di avere gente in land anche se non faranno mai scoprire cose nuove. E gli interpreti, bè loro lo fanno per seguire la via più facile, rincorrendo un guadagno facile.

Anche se la reporter normalmente non  dovrebbe dare il suo parere (ma io non mi reputo una “vera” reporter 🙂 ), devo dire che a quel punto dissi ad Eddie che non ero d’accordo con il suo pensiero. Io sono convinta che i cantanti di SL, buoni o meno buoni che siano, non rincorrono il guadagno, ma solo il piacere di cantare cose che a loro piace cantare, rincorrendo magari  un semplice applauso. E dal punto di vista delle land e degli Owner, entra in gioco il costo di un artista, la gente che ti porterà questo artista, e se riesce o meno ad animare la land, perchè le persone presenti rimangano contente e possano tornare.

Però un confronto con le land straniere si deve pur fare. Eddie ha ragione quando dice che in Italia si scoprono pochi artisti nuovi. La maggior parte degli ottimi cantanti li ho scoperti in land straniere. Poi, piano piano, sono arrivati anche in Italia, ma dopo molto tempo : Krisie Snowdrop, Ceci Dover, Katia Keres, Gabryel Nyoki, Phil Stner, Mapoo Little, tutti conosciuti all’estero mentre in Italia ancora non avevano messo il piede sopra ad un palco.

Eddie canta più all’estero che in Italia, con i suoi circa 70 concerti al mese, ed è molto popolare nelle land straniere. Quello che è interessante, è che lui può farvi il concerto “à la carte”, cioè come voi lo desiderate. Vi fa un concerto “su misura” per la vostra land, per i vostri gusti e per divertire i vostri ospiti. Basta chiedere, e lui sempre e comunque darà il massimo.

Eddie Santillo è indubbiamente l’italiano più americano che abbiamo… E allora Godiamocelo!

by Francesca Caeran

Advertisements
  1. Serena Domenici
    7 ottobre 2011 alle 01:09

    Divertente e arguto l’articolo, brava Francesca!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: