Home > Events and News > Una serata benefica con Alessio Santacroce

Una serata benefica con Alessio Santacroce

Martedi  14.12. 2010 ore 22.00 RL…. abbiamo assistito, presso la land R&S Fashion, all’evento benefico in favore della associazione ONLUS “Anthropos”.
Per chi ancora non la conoscesse, l’ associazione Onlus “Anthropos” si occupa della costruzione di scuole per bambini nel Sud Sudan, dove da più di 30 anni si combatte un’estenuante, quanto assurda, guerra di religione.
Questi bambini sono stati abusati, violentati e maltrattati sia psicologicamente sia fisicamente, usati per uccidere spesso anche i propri familiari, bambini di ogni età.
Un bambino soldato racconta :

“Un ragazzo tentò di scappare dai ribelli, ma fu preso… Le sue mani furono legate, poi essi costrinsero noi, i nuovi prigionieri, a ucciderlo con un bastone.
Io mi sentivo male.
Conoscevo quel ragazzo da prima, eravamo dello stesso villaggio.
Io mi rifiutavo di ucciderlo ma essi mi dissero che mi avrebbero sparato. Puntarono un fucile contro di me così io lo feci.
Il ragazzo mi chiedeva: perché mi fai questo? Io rispondevo che non avevo scelta.
Dopo che lo uccidemmo essi ci fecero bagnare col suo sangue le braccia… Ci dissero che noi dovevamo far questo così non avremmo avuto più paura della morte e non avremmo tentato di scappare… Io sogno ancora il ragazzo del mio villaggio che ho ucciso.
Lo vedo nei miei sogni, egli mi parla e mi dice che l’ho ucciso per niente, e io grido.”
(Susan, 16 anni, rapita dal Lord’s Resistance Army, in Uganda)
Questa bambina susana di 16 anni vive in  Uganda ma la sua è una storia simile a quella dei bambini del sudan, della sierra leone … la provenienza di questi bambini è irrilevante … quello che conta è che quel  Martedi il 14.12 in secondlife è stata tenuta un’ importante serata benefica presentata da
Giovanna Delphin,  con l’esibizione dell’  artista, scrittore e cantautore in real life, Alessio Samtanko aka Alessio Santacroce.
Per chi non conosce alessio, diciamo subito che è un giovane moderno che veste un po’ strano, ma che ha scritto sul viso tutto l’amore che prova per gli altri,  il ricavato delle sue opere infatti serve per contribuire alle necessità di chi è meno fortunato.
Quest’amore si legge anche nei suoi libri, come nel libro presentato in occasione di questa serata
” I Giudici”
Il libro racconta la storia di 4 estranei costretti a vivere assieme un’ esperienza traumatica che rischia di trascinarli nel baratro del “dubbio”. Una storia avvincente con un finale imprevedibile. Il libro è arricchito dalle foto di Monica Bani, storica fotografa  dei “La Quarta Via”. Allegato al libro il nuovo album del gruppo “La Quarta Via” con l’omonimo titolo del romanzo.
Tutti i proventi saranno devoluti all’ass. Onlus “Anthropos”.
il libro lo si può ordinare via mail, all’indirizzo : info@laquartavita.it ovvero sempre su internet attraverso i più noti canali di vendita libraria.
Una delle canzoni che è stata presentata da alessio quella sera e che ci ha subito colpiti  , semplicemente per il   fatto che pur trattandosi di una dedica personale da parte sua ad un amico, descrive in maniera eloquente le emozioni e le speranze che vivono questi sfortunati bambini:

” Dietro il muro del pianto ”
” Io, io in mezzo agli altri, io tra i miei fratelli.
Starò qui tra i due venti, sarò un po’ più avanti di così ”

Inizia cosi carica di emozioni  per finire in speranza per un qualcosa ancora non raggiunto:

” Ma io vorrei portare il mio sguardo dietro al muro del pianto,
capire come posso riempire questo vuoto che sento.
Ma io vorrei guarire soltanto le ferite che ho dentro,
guardare in alto verso il cielo per capire che ho vinto.

Ascoltando le canzoni di alessio si arriva a conoscere una persona dall’animo profondamente sensibile, dotata di un ‘intelligenza concreta, che trasmette in maniera diretta e tangibile quello che ha dentro.
E’ stata una serata piacevole e molto toccante.
L’artista, ha sapientemente dosato un buon mix di musica e parlato, intervallando le canzoni con  il commento e la descrizione e dei brani e del libro, portandoci a farci conoscere meglio questa fantastica band livornese.
Band che non solo è altamente impegnata a produrre della buona musica, ma anche e soprattutto in progetti sociali di alto livello, quale è quello attuale “Il Sangue dell’Africa” con il quale veramente si è potuto contribuire in maniera determinante alla costruzione delle scuole dove studiano gli ex bambini-soldato.

Scritto :
Free Thoughts – LiberiPensieri in Secondlife : Alejandra Balhaus , Ubuntu Silverweb

Link utili:

Storia di un bambino-soldato:
http://fotografandolavitablog.blogspot.com/2006/12/i-sogni-di-un-banbino-soldato.html

Mp3 da scaricare:
http://www.laquartavia.it/media/audio/Dietro%20il%20muro%20del%20pianto.mp3

Sito web dell’Associazione Onlus “Anthropos”: http://www.associazioneanthropos.it

Sito della band:
http://www.laquartavia.it/

Sitro del progetto “Il Sangue dell’Africa”:

http://www.laquartavia.it/sda/

Alejandra Balhaus , Ubuntu Silverweb

Advertisements
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: