Home > Art and Culture > Voom Hotel: Luca Lisci’s interview (italian and english version)

Voom Hotel: Luca Lisci’s interview (italian and english version)

Un singolarissimo hotel in una delle innumerevoli sim in SecondLife, 12 personaggi che ne abitano altrettante stanze, un sito web dedicato, una serie di machinima che illustrano i rapporti tra i personaggi e la personalità di ognuno, una storia ancora tutta da scrivere che si dipanerà attraverso l’interazione di questi personaggi con i vari ospiti di passaggio all’interno dell’hotel (tutti coloro che arriveranno pensando probabilmente di assistere a un progetto artistico più o meno tradizionale), una pagina facebook e una Twitter e finestre simili sugli altri mondi virtuali….

Tutto questo è il VOOM HOTEL, un progetto di Vive Voom (aka Luca Lisci) che, a partire da Second Life, sperimenta le mille possibilità di interazione dell’arte digitale. Ne abbiamo intervistato l’autore chiedendogli di fare luce (o aumentare i dubbi e le curiosità) su questo progetto dalle mille sfaccettature.

 

Quando verrà inaugurato il progetto Voom Hotel?

Il Voom Hotel è già aperto, dal momento che non può essere aperto (ride). Suppongo che il Voom Hotel esista già da tempo, o forse no. Forse il Voom Hotel non ha mai aperto, o forse non mi ricordo (grattandosi la testa calva). Non mi aspetterei nessuna festa “Pronti via!” o un qualche evento speciale calendarizzato di qui in avanti, dal momento che il Voom Hotel non risponde ad alcun senso comune – non il vostro senso – (guarda in alto, alla ricerca di un senso). Ascoltate, mi rendo conto che sarebbe rassicurante per le convenzioni sociali e cognitive comuni poter conoscere una data di nascita. Quella data è fondamentale per ognuno di noi, eppure nessuno ricorda cosa sia accaduto esattamente il giorno in cui è nato. Non ci si ricorda nulla, eppure ci si sente vivi comunque: e anche la gente intorno a noi crede che noi lo siamo (risate). Non credete? (facendosi serio): Parliamo delle prove concrete circa l’esistenza del Voom Hotel. Ne abbiamo avute molte e molte ne avremo, così tante che potremo metterle a confronto. Io per lo meno ne ho avute tante nella mia vita .. (guardando in basso, contando le piastrelle del pavimento), quello che è cambiato è che “adesso” ho deciso di mostrare agli altri quello che ho visto e vedo.

Esiste già un sito internet dedicato al progetto, una pagina di facebook, una di Twitter, e circolano già un paio di machinima… Mi racconti come è nata questa idea e come interagiranno tutti questi “mondi”?

Voom Hotel è una fede, fatta di dialoghi e voci correnti. Ogni cosa io possa offrire alle voci è Voom Hotel. Conosco la pittura ad acquerello, posso disegnare, posso fare film, posso scrivere, posso creare programmi, posso fare servizi fotografici, posso usare design, posso scolpire in legno o in argilla ammuffita, posso strappare via materia o usare colla, posso piegare le cose, posso fare musica, posso interpretare. Non importa cosa farò. Facebook e Twitter sono giocattoli esattamente come i pennelli, digitali o no (respiro profondo). Io sono il Master del gioco. Lo sono in molti modi ma non sempre essendo me stesso. L’esistenza del Voom Hotel va seguita su Facebook e Twitter allo stesso modo in cui si ammira un dipinto, e se guardi uno dei siti web correlati al progetto è come se si assistessi a una performance teatrale.

 

Viene a questo punto spontaneo aspettarsi una finestra sul mondo reale, hai in mente qualcosa in questo senso?

Performance di esseri umani viventi sono concesse (ride). Sono concesse performance video e interpretazioni di attori. Non siamo forse tutti noi degli attori? E’ concesso un dramma vivente.

I personaggi dell’Hotel Voom vivranno solo all’interno dell’hotel in sl o si ritroveranno anche in giro per il Metaverso?

Vi dirò: gli avatar sono creazioni digitali che simulano una presenza nelle realtà virtuali digitali. Gli ospiti del Voom Hotel al momento sono 12, e tutti hanno ottenuto degli avatar, non solo in Second Life, ma anche in Habbo, Twinity e Blue Mars.. (Rattristandosi). Ma anche nella vita reale hanno avatar che simulano la loro presenza nelle virtualità analogiche reali. Usano tutto ciò di cui hanno bisogno per condividere la loro esistenza, anche camminando fuori dall’hotel.

Il progetto prevede l’interazione dei personaggi dell’hotel con altri avatar di sl e con altri utenti in generale degli altri mezzi nei quali essi vivono. Che reazioni ti aspetti da parte di chi si ritroverà catapultato in questa storia?

Nessuna reazione in particolare. Suggerisco di restare calmi e tutto andrà bene. (Sorriso rassicurante)

 

Luca Lisci si ritroverà a impersonare niente meno che 12 personaggi. Nel Metaverso non sono rare le persone che amano giocare dividendosi fra più avatar, ma 12 avatar conviventi in una stessa sim e in una stessa storia è un bel record anche se immagino non saranno in scena tutti contemporaneamente. Come pensi di riuscire a gestire da solo questo multi sdoppiamento di personalità?

Non conosco il numero esatto degli ospiti che mi porto dentro di me. Ho provato a contarli una volta, sono arrivato a 23 e poi ho vomitato, e così sono stato costretto a fermarmi. Ho la sensazione che siano almeno quaranta, cinquanta, e quindi direi che sono molti di più di 23. (Smorfia). In questo momento sono 12 , così che possano interagire abbastanza facilmente. (Sorride). Ho fatto interagire quattro identità fino ad ora, ma entreranno in gioco tutte le altre entro il 2011. Le radunerò tutte e dodici entro dicembre 2010, e tutte si esibiranno dentro di me, per poi uscire e raggiungervi. Userò cibernetica e poesia.

Per concludere due parole su Luca Lisci. Come sei arrivato a SecondLife, da cosa sei rimasto affascinato e quali sono le tappe più significative del tuo percorso artistico in sl?

Il mio primo approccio in Second Life è stato alcuni anni fa, dopo una giornata sul palco – stavo dirigendo un servizio fotografico per una marca di moda – quando un giovane art director che lavorava sotto di me mi raccontò di “uno strano videogioco online dove la gente non aveva niente da fare”. Fu poco dopo, nello stesso giorno, che nel mio attico effettuai la mia prima login. Quella prima connessione durò tutta la notte, fino all’alba. E’ stato lisergico per me.

(Apre gli occhi) Da allora in poi ho esplorato quel mezzo, anche ritrovandomi coinvolto in progetti con alcune riviste italiane, come Style Magazine del Corriere della Sera RCS, per alcuni musei ufficiali come il MoMA (sono stato l’architetto dell’unico padiglione ufficiale virtuale del MoMA in SL), o il MART (Museo italiano di Rovereto), e per marchi come Alfa Romeo, Moncler, Belstaff, Fay e molti molti altri. Nel frattempo ho affinato le mie tecniche e avuto molte collaborazioni artistiche come quella con Peter Greenaway e Saskia Boddeke per lo spettacolo teatrale “The Blue Planet”, ho partecipato a festival di Machinima come finalista (per es. al festival di San Paolo in Brasile FILE dedicato ai linguaggi elettronici, o all’Expo Machinima 2010 di Los Angeles) , ho girato video durante numerosi eventi d’arte pubblici e privati (come per la Smart area di Verona 2008, il Museo Triennale di Milano 2009 e 2010). La prossima occasione per chi volesse scoprire alcuni dei miei lavori real life sarà a Milano dal 22 ottobre al Teatro alle Colonne, con il regista Paolo Scheriani: Io sto producendo video performance per interagire sulla scena con l’attrice dal vivo. Paolo ha scritto tre splendidi monologhi sull’umanità in epoca contemporanea: è uno spettacolo da vedere.

Chi è Luca Lisci in realtà, se vuoi dirlo?

Sono un uomo di 40 anni, che vive vicino a Milano, in Italia. Sono figlio di un pittore, nipote di un poeta, nipotino di ex-ubriaconi. Sono direttore creativo e artista digitale. Amo mia moglie, amo i miei cani. Possiedo delle voci.

 

English Version

 

There is a new interesting creative project created on the Metaverse. It is an original hotel in one sim of Second Life. Twelve characters who live there, some machinimas about their stories, a tail to be written through their interaction with unaware visitors (everyone will arrive thinking to attend to a traditional exhibit…), a Facebook and a Twitter pages and similar projects in other virtual worlds… That is “VOOM HOTEL a Vive Voom (aka Luca Lisci) project which experiments several possibilities of interaction within digital art. We have interviewed the author to keep light or increase doubts and curiosity about his project.

 

When do you foreseen the opening of Voon Hotel ?

Voom Hotel is already opened, since it cannot be opened . (laughs). I suppose Voom Hotel already got its own some ago, or maybe not. Maybe Voom Hotel never opened, or maybe i cannot remember. (scratching his bald head). I don’t expect any ‘let’s do it’ party or special event from now on, since VH is not about the common sense – your sense – . (looking up, looking for a sense). Listen, i guess it’s safer for your social and cognitive conventions to know your date of birth. That very moment in time is so important, but you don’t remember what exactly happened the day you were born. You don’t remember anything at all, but you feel you’re alive anyway: and people believe it too.(laughts) Dont’you? (getting serious) Let’s talk of evidence, of body of evidence proofing the existence of Voom Hotel. We had many, we’ll have many, as many as we can share. I got so many in my life..(looking down, counting floor tiles) the different ‘now’ is that i have decided to show others what i saw and see.

I saw a web site concernerd to the project, a facebook and Twitter pages too, and there are just two machinimas about people involved. Can you tell me the genesis of this idea and how this different medias will interact each other?

Voom Hotel is a belief, about dialogues and voices going. Everything i can open to voices is Voom Hotel. I know watercolor painting, i can draw, i can make movies, i can write, i can do programming, can photoshoot, can design, i can sculpt wood or mold clay, i can rip off material and use glue , i can bend things, i can make music, i can perform. No matter. Facebook and Twitter are toys exactly like brushes –digital or not. (deep breathing). Me I am toymaster. I am in many ways but it’s always not me: the voices are. Follow the very existence of Voom Hotel in facebook and twitter like watching a painting, or see one of the related websites that will spread the web like being in a theatre drama performance.

 

Are you planning anything similar in real world too?

Living humans performances are allowed. ( laughts). Performing Video and actor’s play are allowed: are not we all actors? Drama living is allowed.

Voom Hotel characters will live only within hotel’s rooms or they’ll go around through the Metaverse too?

I’ll tell you: avatars are digital construct that simulate presence in digital virtual realities. Voom Hotel hosts are 12 at the moment, and they all got avatars, not only in second life or habbo, or twinity or blue mars.(getting sad). But also in reality they got avatar that simulate their presence in analogic real virtualities. They use everything they need to share their existence, even walking outside the hotel.

Your project lives through the interaction among hotel’s people and other metaverse’s users. Which reactions do you think shall have a user suddenly catched in this tale ?

No reaction at all. I suggest to remain calm and all will be safe. (reassuring smile).

Luca Lisci will play with 12 characters… Many people in the metaverse love to play with many avatars, but 12 avatars living together in the same sim and in the same tale is a record. How do you think to manage a similar multi doubling of personality?

I don’t know the exact number of guests inside me. I’ve tried to count them once, i counted 23 and then i vomited, i was forced to stop. I’ve sensed almost fourty, fifty, that means there much more than 23. (grimace). They are 12 at the moment that i can share quite easily. (smile). I shared 4 identities until now, but i will release all the others by 2011. I will gather the twelve by december 2010, and they all will be performing inside me, getting out for you. I will use cybernetics and poetry.

Finally tell us something about Luca Lisci. How did you discover SecondLife? How did you fascinate in this world and which are the most significatant steps of your artistic walk there?

First time in second life was some years ago, after a day on stage – i was directin’ a photoshoot for a fashion brand- when a young art director working under me told me about ‘that strange on-line videogame where people got nothing to do’. I was later that day, in my penthouse, the first login session. That first lasted all night, until dawn. It was lysergic to me.

(opens eyes wide) From then on i explored that medium, also involved in projects with italian magazines like Style Magazine of RCS Corriere della Sera, for many official museum like MoMA ( i was the architect of the only MoMA official virtual pavillion in SL), like MART ( italian’s Rovereto Museum), and brands like Alfa Romeo, Moncler, Belstaff, Fay and many many others. In the meanwhile i’ve grown my techniques and having lots of artistic collaborations like for Peter Greenaway and Saskia Boddeke’ The Blue Planet, partecipated in Machinima festival as finalist ( ex. Sao Paulo Brazil’s FILE electronic language festival, Expo Machinima 2010 Los Angeles) , and producing Performing Video in many public and private art event ( like Smartarea’s Verona 2008, Milan’s Triennale Museum 2009 and 2010). Next occasion for you to see some of my work will be in Milan, from oct 22 at Teatro alle Colonne, with director Paolo Scheriani: i am producing performing videos to act on the stage with live actress. Paolo wrote three beautiful monologues about humanity in contemporary times: you ought to see the show.

Who is Luca Lisci in real life, can you tell us something about?

I am a 40 year old man, living near Milano, Italy. I am child of a painter, nephew of a poet, granchild of ex-drunkards. I get my living as creative director and digital artist. I love my wife, i love my dogs. I got voices.

 

http://www.voom.it/

http://slurl.com/secondlife/Materia/80/47/69

http://www.twitter.com/VoomHotel

http://www.youtube.com/watch?v=JiDxpuj61-I

 

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: